Penale

venerdì 01 luglio 2005

Se l’ albergo funziona a ore è legittimo il sequestro preventivo disposto dal PM Suprema Corte di Cassazione, Sezione Terza Penale, sentenza n.17677/2005

>Se l’albergo funziona “a ore” è legittimo il
sequestro preventivo disposto dal PM
Suprema Corte di
Cassazione, Sezione Terza Penale, sentenza n.17677/2005
(Presidente: A. Zumbo; Relatore: A. Postiglione)

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE III PENALE

SENTENZA

FATTO E DIRITTO

Con ordinanza in data 22/12/2004 il
Tribunale di Napoli confermava il sequestro preventivo avente ad oggetto
l’albergo Hotel Ristorante Scipioni, in Giugliano
(Napoli), gestito da P. A., ravvisando il fumus del reato di cuiall’art. 3,
n. 3 legge 75/1958

Il P. ha proposto ricorso per
Cassazione, sostenendo che l’Hotel sequestrato non era strumento stabile per
l’attività illecita di favoreggiamento della prostituzione.

Il ricorso è infondato.

La censura attiene a valutazione di
fatto.

Nel caso in esame il sequestro non ha
avuto per oggetto il ristorante, nel quale potrà svolgersi l’attività
economica, ma l’annesso hotel, utilizzato abitualmente da un numero rilevante
di prostitute e loro clienti, come accertato in base a
dettagliate indagini di polizia giudiziaria (il 9/12/2004) e come emerso dalle
dichiarazioni di due prostitute.

Le modalità dell’utilizzo per
incontri sessuali con i clienti erano favorite dal ritiro della chiave della
stanza da parte delle medesime prostitute e non da
parte dei clienti.

L’utilizzo ripetuto e abituale di un
locale come luogo di prostituzione obbliga ad adottare
la misura cautelare del sequestro preventivo, proprio per evitare la
prosecuzione dell’attività criminosa, essendo prevalente l’esigenza sociale
rispetto a quella pur legittima della proprietà e disponibilità del
proprietario.

PQM

Rigetta il ricorso e condanna il
ricorrente in solido al pagamento delle spese processuali.

Roma, 22/12/2004.

Depositata in Cancelleria l’11 maggio 2005.