Lavoro e Previdenza

sabato 18 febbraio 2006

Assunzione dei lavoratori stranieri (flussi 2006). Il Comunicato del Ministero dell’ Interno

Assunzione dei lavoratori
stranieri (flussi 2006). Il Comunicato del Ministero dell’Interno

MINISTERO DELL’INTERNO Comunicato
stampa

Roma, 12 febbraio 2006

A partire da lunedì 13 febbraio p.v., sul sito internet del Ministero dell’Interno:
www.interno.it sono consultabili tutte le informazioni
concernenti le modalità di presentazione delle domande di assunzione dei
lavoratori stranieri e le procedure relative alle quote stabilite nel decreto
flussi per l’anno 2006.

In particolare, il datore di
lavoro che intende assumere un lavoratore straniero residente all’estero, a
tempo determinato o indeterminato, dovrà compilare l’apposita
domanda di nulla osta, indirizzata al competente Sportello Unico per
l’Immigrazione, utilizzando i moduli a lettura ottica contenuti negli appositi
kit disponibili gratuitamente presso tutti gli uffici postali dal 18 febbraio
2006.

Il kit comprende anche una scheda
riepilogativa, una busta prestampata, da utilizzare per la spedizione dell’istanza, il cedolino dell’assicurata postale, nonché le
istruzioni per la compilazione.

Dalla data indicata nel decreto
di programmazione dei flussi d’ingresso per l’anno 2006 – che sarà
prossimamente emanato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica
Italiana – l’istanza potrà essere presentata agli
uffici postali abilitati all’accettazione delle domande. I medesimi uffici
postali accetteranno le istanze a partire dalla stessa
ora e su tutto il territorio nazionale. Essi saranno dotati di un sistema di
rilevazione elettronico centralizzato della data e dell’orario d’accettazione.

Eventuali domande, presentate
prima della data e dell’ora stabilite, non saranno prese in considerazione.

La domanda, redatta sul modulo
compilato a mano, corredata dalla fotocopia del documento di identità
del datore di lavoro, del passaporto o documento equipollente del cittadino
straniero, nonché dalla suddetta scheda riepilogativa, dovrà essere consegnata,
nell’apposita busta, chiusa, allo sportello postale e spedita come posta
assicurata.

Ciascuna busta dovrà contenere
una sola domanda che sarà contrassegnata da codice assicurata/codice
istanza.

Il codice istanza
corrisponde al numero prestampato sul modulo e dovrà essere trascritto dal
richiedente sul cedolino dell’assicurata, mentre il codice assicurata sarà già
presente, prestampato, sul medesimo cedolino.

L’operatore dell’ufficio postale
procederà all’accettazione della busta, apponendo la stampigliatura recante
data e orario dell’accettazione, e consegnerà all’utente la ricevuta
dell’assicurata. Successivamente, tutte le domande
saranno inviate dagli uffici postali all’apposito Centro Servizi delle Poste
Italiane (CSA) che, effettuata la scansione dei dati con lettore ottico, le
farà pervenire al centro elaborazione dati del Ministero dell’Interno, per la
successiva trasmissione telematica agli Sportelli Unici. Contestualmente, il
CSA di Poste Italiane invierà agli sportelli le domande cartacee. Le richieste
di nulla-osta all’assunzione dei lavoratori stranieri verranno
quindi trasmesse per via telematica alle questure e alle Direzioni Provinciali
del Lavoro le quali, effettuate le prescritte verifiche, comunicheranno agli
Sportelli Unici il parere di competenza circa il rilascio del nulla osta. In
caso di parere positivo, lo Sportello Unico richiederà
all’Agenzia delle Entrate l’attribuzione di un codice fiscale provvisorio, o la
verifica dell’eventuale esistenza di un codice fiscale definitivo, e trasmetterà
la richiesta di lavoro al competente Centro per l´Impiego al fine di accertare
la disponibilità di lavoratori italiani, comunitari o extracomunitari
regolarmente soggiornanti in Italia. Il Centro per l’Impiego comunicherà
l’esito della propria verifica allo sportello e al datore di lavoro. La
richiesta di nulla osta rimarrà sospesa finché lo Sportello Unico non riceverà
una comunicazione del datore di lavoro (entro quattro giorni in caso di
certificazione negativa) per la conferma o meno.

In caso di certificazione
negativa del Centro per l’Impiego o di espressa
conferma della richiesta di nulla osta da parte del datore di lavoro, o
comunque decorsi 20 giorni senza alcun riscontro da parte del Centro per
l´Impiego, lo sportello unico convocherà il datore di lavoro per la consegna
del nulla osta e la sottoscrizione del contratto di soggiorno, predisposto
dallo stesso Sportello sulla base della proposta di contratto contenuta
nell’istanza. Lo Sportello Unico trasmetterà, quindi, per via
telematica il nulla osta e la proposta di contratto contenuta nella
domanda del datore di lavoro alla competente rappresentanza
diplomatico-consolare italiana all’estero per la consegna al lavoratore
straniero. Acquisita la richiesta di visto del lavoratore e verificata la
sussistenza dei presupposti di legge, la rappresentanza rilascerà il visto di ingresso, dandone comunicazione allo Sportello Unico. Lo
straniero o il datore di lavoro provvederà, quindi, a richiedere l´appuntamento
presso lo Sportello, per la sottoscrizione del contratto e la richiesta del
permesso di soggiorno. In quella sede dovrà esibire il titolo idoneo a
comprovare la disponibilità dell’alloggio e la ricevuta dell’avvenuta richiesta
all’ufficio tecnico comunale del certificato attestante la conformità
dell’alloggio ai parametri minimi previsti dalla legge regionale. In alternativa, il lavoratore potrà esibire la ricevuta
dell’avvenuta richiesta alla ASL del certificato di idoneità igienico-sanitaria
dell’alloggio stesso. Contestualmente lo straniero firmerà il contratto e
chiederà il rilascio del permesso di soggiorno sottoscrivendo il modulo di
richiesta prestampato dallo sportello unico. La questura provvederà, quindi, a
fissare la convocazione dello straniero per il fotosegnalamento e la consegna
del permesso di soggiorno.