Ambiente

giovedì 20 ottobre 2005

Stavolta per affrontare l’ emergenza idrogeologica lo Stato si muove in anticipo. Nella direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri le linee guida per gli enti locali DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 29 settembre 2005

Stavolta per affrontare lemergenza idrogeologica lo Stato si muove in anticipo. Nella direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri le linee guida per gli enti locali

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 29 settembre 2005

Atto di indirizzo recante: «Indirizzi operativi per prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di emergenza connesse a fenomeni idrogeologici ed idraulici». (GU n. 244 del 19-10-2005)

Al presidente della regione Abruzzo

                                  Al     presidente    della   regione Basilicata

                                  Al    presidente    della   regione Calabria

                                  Al    presidente    della   regione Campania

                                  Al    presidente    della   regione Emilia-Romagna

                                  Al    presidente    della   regione Friuli-Venezia Giulia

                                  Al presidente della regione Lazio

                                  Al presidente della regione Liguria

                                  Al    presidente    della   regione Lombardia

                                  Al presidente della regione Marche

                                  Al presidente della regione Molise

                                  Al    presidente    della   regione Piemonte

                                  Al presidente della regione Puglia

                                  Al    presidente    della   regione Sardegna

                                  Al presidente della regione Sicilia

                                  Al presidente della regione Toscana

                                  Al presidente della regione Umbria

                                  Al  presidente  della regione Valle d’Aosta

                                  Al presidente della regione Veneto

                                  Al   presidente   della   provincia autonoma di Bolzano

                                  Al   presidente   della   provincia autonoma di Trento

                                  Al Ministro dell’interno

                                  Al Ministro della difesa

                                  Al  Ministro  dell’ambiente e della tutela del territorio

                                  Al    Ministro    delle   politiche agricole e forestali

                                  Al  Ministro delle infrastrutture e dei trasporti

                                  Al    Ministro   per   gli   affari regionali

                                  Al prefetto di Agrigento

                                   Al prefetto di Alessandria

                                  Al prefetto di Ancona

                                  Al prefetto di Arezzo

                                  Al prefetto di Ascoli Piceno

                                  Al prefetto di Asti

                                  Al prefetto di Avellino

                                  Al prefetto di Bari

                                  Al prefetto di Belluno

                                  Al prefetto di Benevento

                                   Al prefetto di Bergamo

                                  Al prefetto di Biella

                                  Al prefetto di Bologna

                                  Al prefetto di Bolzano

                                  Al prefetto di Brescia

                                  Al prefetto di Brindisi

                                  Al prefetto di Cagliari

                                  Al prefetto di Caltanissetta

                                  Al prefetto di Campobasso

                                   Al prefetto di Caserta

                                  Al prefetto di Catania

                                  Al prefetto di Catanzaro

                                  Al prefetto di Chieti

                                  Al prefetto di Como

                                  Al prefetto di Cosenza

                                  Al prefetto di Cremona

                                  Al prefetto di Crotone

                                  Al prefetto di Cuneo

                                   Al prefetto di Enna

                                  Al prefetto di Ferrara

                                  Al prefetto di Firenze

                                  Al prefetto di Foggia

                                  Al prefetto di Forli-Cesena

                                  Al prefetto di Frosinone

                                  Al prefetto di Genova

                                  Al prefetto di Gorizia

                                  Al prefetto di Grosseto

                                   Al prefetto di Imperia

                                  Al prefetto di Isernia

                                  Al prefetto di L’Aquila

                                  Al prefetto di La Spezia

                                  Al prefetto di Latina

                                  Al prefetto di Lecce

                                  Al prefetto di Lecco

                                  Al prefetto di Livorno

                                  Al prefetto di Lodi

                                   Al prefetto di Lucca

                                  Al prefetto di Macerata

                                  Al prefetto di Mantova

                                  Al prefetto di Massa Carrara

                                  Al prefetto di Matera

                                  Al prefetto di Messina

                                  Al prefetto di Milano

                                  Al prefetto di Modena

                                  Al prefetto di Napoli

                                   Al prefetto di Novara

                                  Al prefetto di Nuoro

                                  Al prefetto di Oristano

                                  Al prefetto di Padova

                                  Al prefetto di Palermo

                                  Al prefetto di Parma

                                  Al prefetto di Pavia

                                  Al prefetto di Perugia

                                  Al prefetto di Pesaro Urbino

                                   Al prefetto di Pescara

                                  Al prefetto di Piacenza

                                  Al prefetto di Pisa

                                  Al prefetto di Pistoia

                                  Al prefetto di Pordenone

                                  Al prefetto di Potenza

                                  Al prefetto di Prato

                                  Al prefetto di Ragusa

                                  Al prefetto di Ravenna

                                   Al prefetto di Reggio Calabria

                                  Al prefetto di Reggio Emilia

                                  Al prefetto di Rieti

                                  Al prefetto di Rimini

                                   Al prefetto di Roma

                                  Al prefetto di Rovigo

                                  Al prefetto di Salerno

                                  Al prefetto di Sassari

                                  Al prefetto di Savona

                                   Al prefetto di Siena

                                  Al prefetto di Siracusa

                                  Al prefetto di Sondrio

                                  Al prefetto di Taranto

                                  Al prefetto di Teramo

                                  Al prefetto di Terni

                                  Al prefetto di Torino

                                  Al prefetto di Trapani

                                  Al prefetto di Trento

                                   Al prefetto di Treviso

                                  Al prefetto di Trieste

                                  Al prefetto di Udine

                                  Al prefetto di Varese

                                  Al prefetto di Venezia

                                  Al prefetto di Verbano-Cusio-Ossola

                                  Al prefetto di Vercelli

                                  Al prefetto di Verona

                                  Al prefetto di Vibo Valentia

                                  Al prefetto di Vicenza

                                  Al prefetto di Viterbo

                                  All’ANCI

                                  All’UNCEM

                                  All’UPI

  L’avvio  della  stagione  autunnale,  da  sempre caratterizzata nel

nostro  Paese  dal  possibile  manifestarsi  di  eventi meteorologici

particolarmente  intensi  e  diffusi, gia’ causa nel passato di gravi

dissesti  idrogeologici  ed  estesi  eventi  alluvionali,  impone  di

verificare  con  particolare attenzione e diligenza la effettivita’ e

l’adeguatezza  della  risposta  di protezione civile a tali possibili

scenari emergenziali.

  E’ peraltro innegabile come le recenti calamita’ naturali che hanno

interessato  vaste  aree  di  altri  continenti hanno posto con forza

all’attenzione  della opinione pubblica l’esigenza di poter confidare

in  un  sistema nazionale di protezione civile in grado di soddisfare

le attese e dissipare le preoccupazioni.

  In questo contesto voglio assicurare innanzitutto che la competente

struttura  del  Dipartimento  della  protezione civile attivera’ ogni

iniziativa possibile per garantire assistenza, collaborazione, tutela

e  coordinamento  ad  ogni esigenza che dovesse essere manifestata al

riguardo.

  Per  quanto  concerne  l’attivita’  di previsione, ricordo come sia

necessario che le Amministrazioni che hanno gia’ dato attuazione alla

direttiva   del   Presidente  del  Consiglio  del  27 febbraio  2004,

«Indirizzi  operativi  per la gestione organizzativa e funzionale del

sistema  di  allertamento  nazionale,  statale  e  regionale,  per il

rischio  idrogeologico  ed  idraulico  ai fini di protezione civile»,

pubblicata  sulla  Gazzetta  Ufficiale  n.  59  dell’11 marzo 2004, e

successive  modificazioni,  si impegnino ad assicurare il compiuto ed

efficace  raccordo  tra  tale  attivita’  e quelle di contrasto degli

eventi,  di  mitigazione  dei possibili danni e di eventuale gestione

delle  emergenze,  cosi’  come rappresentato e stabilito nei relativi

atti  in  materia  approvati dalle rispettive Giunte regionali e gia’

portati all’attenzione del Dipartimento.

  A tal proposito non posso che far mio l’invito rivolto dal Capo del

Dipartimento  della  protezione  civile  con nota DPC/PRE/0046570 del

20 settembre  scorso alle regioni affinche’ si impegnino a perseguire

una sempre maggiore adesione a criteri, standard e procedure comuni e

condivise,  nonche’  ad assicurare il necessario coinvolgimento degli

uffici   territoriali   del    Governo  nel  complessivo  processo  di

allertamento.

  E’  altresi’  auspicabile  che  gli uffici territoriali del Governo

partecipino  attivamente  a  tale  processo, operando in sinergia con

l’azione  delle regioni e promuovendo o partecipando attivamente alle

intese  per  l’individuazione  di modalita’ e procedure chiare per il

passaggio   dalla  fase  di  allertamento  a  quella  della  gestione

dell’emergenza.  In tale contesto l’organizzazione di esercitazioni a

livello  locale  che  possano garantire il coinvolgimento di tutte le

componenti   di   protezione   civile  e’  elemento  di  fondamentale

importanza, da sviluppare e favorire in ogni modo.

  Tale  coinvolgimento  dovra’ essere esteso anche alla promozione ed

all’approntamento  dei  presidi  territoriali  sia  idrogeologici che

idraulici, cosi’ come gia’ indicato dagli indirizzi operativi emanati

con note prot. 358-359/2003/PCM e pubblicati nella Gazzetta Ufficiale

n. 220 del 22 settembre 2003 e nella nota DPC/IS/48167 del 25 ottobre

2004  che,  tra  l’altro,  a  tal  fine  invitava  esplicitamente  ad

integrare,  dove  necessario,  le  risorse  territoriali  con  quelle

statali.

  Gli  eventi  temporaleschi  che hanno caratterizzato la conclusione

della  stagione  estiva, con precipitazioni particolarmente intense e

fortemente   localizzate,   colpendo   soprattutto  zone  urbane  con

conseguenti  disagi  per  la  mobilita’  e danni alle infrastrutture,

hanno  indotto  molti  a  sottolineare  come  il  ripetersi  di  tali

situazioni  riproponga  il  problema  della  manutenzione ordinaria e

straordinaria  del reticolo idrografico minore sia in area urbana sia

in  quelle  zone di transizione tra area urbana e area rurale in fase

di prossima urbanizzazione.

  I  suddetti fenomeni metereologici, come e’ noto, sono di difficile

prevedibilita’,  sia  spaziale  che  temporale. Tale incertezza rende

ancor   piu’   determinante   e   insostituibile   il   ruolo   delle

amministrazioni  locali,  la  cui  costante  e  puntuale attivita’ di

vigilanza  e  presidio  del  territorio  costituisce  il  piu’ solido

baluardo  contro  le repentine criticita’ che dovessero manifestarsi.

E’  infatti di tutta evidenza che solo la mitigazione del rischio sia

idrogeologico   che  idraulico,  attraverso  i  necessari  interventi

manutentivi,  da’ modo all’azione di protezione civile di dispiegarsi

in maniera efficace e positiva.

  In   questa  prospettiva,  al  fine  di  sostenere  e  favorire  le

iniziative che competono alle amministrazioni locali e alle regioni e

che   dovranno  fondarsi innanzitutto sulle risorse disponibili in via

ordinaria, anche attraverso opportune scelte riallocative nell’ambito

dei  rispettivi  bilanci,  e’ intenzione del Governo partecipare, con

contributi    finanziari    straordinari,   all’impegno   di   quelle

Amministrazioni  che si propongano di realizzare programmi urgenti di

attivita’  manutentive  finalizzate  alla risoluzione di specifiche e

circoscritte situazioni di criticita’ idraulica in grado di innescare

fenomeni tali da mettere a rischio anche la vita umana.

  A  tal fine le regioni interessate per interventi sia di competenza

diretta sia di competenza degli enti territoriali, potranno fin d’ora

trasmettere  al  Dipartimento  della  protezione  civile richieste di

finanziamento  in  relazione  ad iniziative urgenti che perseguano le

predette  finalita’,  accompagnate  da  una  sintetica  relazione che

evidenzi i seguenti elementi:

    a) descrizione  del  contesto  di  criticita’  che  renda utile e

necessario  l’intervento,  anche  in riferimento a quanto previsto ai

Piani per l’assetto idrogeologico (PAI) ove esistenti;

    b) tipologia  dell’intervento e beneficio derivante in termini di

mitigazione o diminuzione del rischio;

    c) costo dell’intervento con indicazioni delle fonti di copertura

finanziaria complementari;

    d) cantierabilita’  dell’intervento  entro  sessanta giorni dalla

richiesta;

    e) applicabilita’   di  procedure  semplificate  o  temporalmente

ridotte,  quali  previste dalla legislazione ordinaria per situazioni

di estrema urgenza nelle quali sia messa a rischio la vita umana;

    f) indicazione del soggetto attuatore dell’intervento.

  Nei  limiti  delle  risorse  finanziarie  che il Dipartimento della

protezione  civile rendera’ disponibili a tale scopo, il Dipartimento

stesso,  entro dieci giorni dal ricevimento della pratica completera’

le attivita’ istruttorie sulla base dell’ordine cronologico di arrivo

delle   richieste   ed   adottera’  i  conseguenti  provvedimenti  di

finanziamento.

  Il  Dipartimento  stesso  avra’  il  compito  di  monitorare, anche

attraverso  i  comitati  di  rientro  nell’ordinario  operanti  nelle

diverse  regioni,  l’effettivo  rispetto  dei termini previsti per il

completamento  degli  interventi,  fermo  restando  che  nel  caso di

mancato   rispetto  dei  predetti  termini  il  finanziamento  verra’

revocato.

  Ritengo  che  anche  con  questa azione di sostegno sia tecnico che

finanziario,  mirata  ad affrontare situazioni di particolare rischio

derivante  dal  sistema  idrografico  minore, e che va ad aggiungersi

all’imprescindibile agire ordinario delle Amministrazioni regionali e

locali,  si  possa  recare  un  concreto  contributo alla complessiva

azione   pubblica  in  un  settore  di  fondamentale  importanza  per

garantire la tutela degli interessi delle nostre popolazioni, nonche’

per salvaguardare la loro generale sicurezza.

    Roma, 29 settembre 2005

                                            Il Presidente: Berlusconi