Ultimi articoli

sabato 27 settembre 2003

Il comproprietario può opporsi al rilascio della concessione edilizia.

Il comproprietario può opporsi al rilascio della concessione edilizia.

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V – sentenza 24 settembre 2003 n. 5445

Pres. Quaranta, Est. Fera; Rossano ed altri (avv. Maurizio Calò) c. Comune di Torino (Avv. ti Anna Maria Arnone e Massimo Colarizi). Conferma TAR del Piemonte, sezione prima, 694 dell’ 8 ottobre 1996.

FATTO

Gli attuali appellanti impugnarono davanti al Tar per il Piemonte l’ordinanza n. 244 del 19 ottobre 1984, con la quale sindaco di Torino aveva revocato l’autorizzazione edilizia n. 2538 del 15 novembre 1983 per la esecuzione di lavori di chiusura di un passaggio privato mediante la posa di una cancellata in ferro in Torino via Gradisca n. 50. La ragione della revoca, esternata nel provvedimento, sta nel fatto che l’autorizzazione, intestata genericamente “ai proprietari frontisti di via Gradisca n. 50″, era stata rilasciata sul presupposto che tutti i frontisti avessero sottoscritto l’istanza, mentre successivamente al rilascio era stato scoperto che questa proveniva solo “da alcuni senza l’assenso dei restanti”. L’amministrazione, oltre a rilevare che “l’interesse pubblico ad una corretta gestione amministrativa non consente il permanere di un atto viziato da errata valutazione dei presupposti”, nella parte motiva dell’atto aveva precisato di avere recentemente programmato “un piano che prevede la comunalizzazione dei passaggi privati aventi caratteristiche idonee, come quello in esame, e rilevato che lo stesso sedime è già stato inserito in apposito elenco dove sono calendarizzate le singole comunalizzazioni”.

Il ricorso è stato respinto dal Tar del Piemonte Gli appellanti ripropongono le censure disattese dal primo giudice:

1) Errata applicazione dell’istituto della revoca. Eccesso di potere per carenza assoluta di motivazione.

2) Carenza di presupposti logico giuridici. Eccesso di potere per errore essenziale e travisamento.

3) Eccesso di potere per contraddittorietà e perplessità.

4) Eccesso di potere per perplessità e sviamento.

Gli appellanti concludono chiedendo, in riforma della sentenza di cui all’epigrafe, l’annullamento dell’atto impugnato in primo grado.

Resiste all’appello l’amministrazione intimata, che contesta la fondatezza delle tesi avversarie e conclude per il rigetto dell’appello.

DIRITTO

L’appello è infondato.

Gli attuali appellanti avevano impugnato in primo grado l’ordinanza con la quale il Sindaco di Torino ha revocato l’autorizzazione edilizia per la esecuzione di lavori di chiusura di un passaggio privato mediante posa di una cancellata in ferro, che essi avevano in precedenza richiesto quali frontisti nella strada privata. Motivo della revoca è l’errore, scoperto successivamente dal comune, circa la legittimazione all’esercizio dello ius aedificandi, posto che l’istanza di rilascio dell’autorizzazione era stata sottoscritta solo da una parte dei frontisti.

Le censure, prospettate in primo grado e qui riproposte, si muovono lungo una linea argomentativa che, in primo luogo, nega l’esistenza del vizio di legittimità e, in secondo luogo, contesta il corretto esercizio dell’autotutela sotto vari profili di eccesso di potere.

Quanto alla prima questione, giova ricordare come l’articolo 4 della legge 29 gennaio 1977, n. 10, afferma che “la concessione è data dal sindaco al proprietario dell’area o a chi abbia titolo per richiederla”. Espressione questa che, nel caso in cui il diritto appartenga a più titolari, è stata intesa dalla giurisprudenza nel senso che l’istanza possa essere presentata da un comproprietario solo laddove la situazione di fatto consenta di “supporre (l’esistenza di) un “pactum fiduciae” intercorrente tra gli stessi (comproprietari)” (Consiglio Stato sez. 5 giugno 1991 n. 883).

Ora nel caso di specie, non solo non vi era alcun indizio da cui poter supporre un’intesa fra tutti i proprietari, ma anzi l’iniziativa di alcuni di essi, una volta conosciuta dagli altri, è stata vivacemente contesta. Quindi non vi è dubbio che il provvedimento originariamente rilasciato dall’amministrazione comunale era viziato perché il richiedente non aveva pieno titolo ad ottenere l’autorizzazione edilizia.

Quando ai profili di eccesso di potere, giova ricordare come l’annullamento in sede di autotutela dei provvedimenti che consentono l’esercizio della ius aedificandi illegittimamente rilasciati è “congruamente motivato con la sola enunciazione del vizio che li inficia”. (Consiglio Stato sez. V, 24 marzo 2001, n. 1702), specie nell’ipotesi in cui il vizio derivi da ” false ed erronee rappresentazioni del privato” (Consiglio Stato sez. V, 24 marzo 2001, n. 1702). Ora, nel caso di specie, non ve dubbio che l’errore è derivato dal fatto che gli interessati nel presentare istanza, da loro sottoscritta con la generica dicitura “i proprietari frontisti”, non avevano evidenziato la circostanza che essi non rappresentavano la totalità dei comproprietari ma solo una parte degli stessi.

Appare, tuttavia, equo compensare tra le parti le spese del giudizio.