Ultimi articoli

venerdì 06 giugno 2003

I casi in cui le scelte nell’ adozione degli strumenti urbanistici generali devono essere specificamente motivate.CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV – Sentenza 26 maggio 2003 n. 2827

I casi in cui le scelte nelladozione degli strumenti urbanistici generali devono essere specificamente motivate.

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV Sentenza 26 maggio 2003 n. 2827 Pres. Riccio, Est. Saltelli Tecnoafalti S.r.l. ed altri e Immobiliare Marilisa S.r.l. (Avv.ti Prandstraller e Bonifazi) c. Comune di Fontaniva (Avv.ti Domenichelli e Manzi) (conferma T.A.R. Veneto, sez. I, 10 settembre 1997, n. 1380).

F A T T O

Con ricorso notificato il 14 aprile 1995, la Tecnoasfalti S.r.l. (quale proprietaria di un complesso industriale in parte su fondi di sua proprietà, mapp. 33 di ha 2.59.55, ed in parte su terreno demaniale, in concessione, costituente lex alveo della roggia Crescini) ; la S.M.E.B. S.r.l. (proprietaria dei terreni individuati al foglio 23, sez. unica, mappali n. 79, 80, 82, 134, 133, 121, 75, 78 e 38, e al foglio 27, mapp. N. 127, su cui erano ubicati impianti industriali per la lavorazione di inerti ed una palazzina ad uso officina e ricovero attrezzi, nonché di altri terreni, al foglio 23, mappali n. 101 e 127, e al foglio 22, n.3); la Vaccari Antonio Giulio S.p.A. (proprietaria del complesso industriale ubicato su fondi di cui al foglio 11, mapp. 264, 106, 107, 134, 135, 139, 105, 148 e 296 ; usuaria frontista dellargine di seconda categoria sulla destra del fiume Brenta, foglio 11, mapp. 134 e concessionaria del terreno demaniale contraddistinto dal mapp. 134 di ha 0.48.50 e di quello di nuova formazione a ridosso del mapp. 143 di ha 0.49.50) ; lImmobiliare Marilisa S.r.l. (proprietaria dei fondi censiti al foglio 13, mapp. 3, affittuaria dei terreni comunali al foglio 13, mapp. 76 (parte) e 6 (parte) e usuaria del terreno demaniale al foglio 13, mapp. 33 (parte) e 94 (parte), per complessivi 42.000 metri quadrati, utilizzati per la lavorazione di inerti (sabbia e ghiaia) e autotrasporti) nonché la Crescini S.p.A. (proprietaria del complesso industriale di manufatti per fabbricati in calcestruzzo quali tubi, pozzi, etc., ubicato su un terreno di sua proprietà censito al foglio 7, mapp. 78, 76, 77, 26 e 79) chiedevano al Tribunale amministrativo regionale del Veneto lannullamento della delibera del Commissario ad acta del Comune di Fontaniva n. 5 del 25 gennaio 1995, con cui era stato approvato il piano regolatore generale.

Attraverso un unico articolato motivo, rubricato « Violazione e mancata applicazione degli artt. 24, 27 e 30 della legge regionale del Veneto n. 61/85, nonché dellart. 9 della stessa legge (« Contenuti del Piano regolatore generale) Omessa considerazione delle disposizioni riguardanti le zone di tipo industriale, artigianale e commerciale del Piano Regolatore Generale (tipo D) per aver considerato zone agricole di tipo E e di Parco Urbano le aree nelle quali insistono gli stabilimenti industriali delle ditte ricorrenti che, a termini dellart. 24 L.R. Veneto n. 61/85, andavano invece incluse nelle zone di tipo D Eccesso di potere e violazione di legge per avere, in fase di adozione del P.R.G., omesso di provvedere a disposizioni del P.R.G. inerenti alla classificazione, al trasferimento delle attività produttive in aree idonee e alle operazioni di convenzionamento Eccesso di potere per violazione delle norme sulle « zone umide » e per disparità di trattamento avendo incluso nella zona umida gli insediamenti industriali delle ditte ricorrenti e posto invece in zone di tipo D altri insediamenti industriali, appartenenti ad altre ditte », le società ricorrenti lamentavano che, in palese violazione delle norme regionali che presiedevano alla formazione dei piani regolatori generali e ne disciplinavano il contenuto, senza tener conto della obiettiva situazione di fatto esistente, le aree di loro proprietà e/o quelle da loro utilizzate, e sulle quali insistevano gli indicati impianti industriali, erano state collocate illegittimamente in zona agricola di tipo E, invece che in zona di tipo D, così impedendo lulteriore svolgimento della propria attività, non essendo alluopo state previste apposite norme transitorie per la delocalizzazione in altre aree degli impianti stessi.

Inoltre, sempre secondo le ricorrenti, limpugnato provvedimento pur dichiarando espressamente di recepire le previsioni del P.T.R.C. in ordine alle cc.dd. zone umide, ne aveva ampliato illegittimamente larea, ricomprendendovi zone quali quelle erroneamente classificate come zona E – che tali non potevano definirsi secondo le previsioni di cui allart. 1 del D.P.R. n. 448/76, trovandosi addirittura ad una quota superiore a quella di massima piena del fiume Brenta.

Con la sentenza n. 1380 del 10 settembre 1997 ladito Tribunale, nella resistenza dellintimata amministrazione comunale, respinta leccezione di inammissibilità per difetto di interesse formulata da questultima sul presupposto che i vincoli incidenti sulle proprietà delle ricorrenti non derivavano dalladozione del piano regolatore generale in discussione, bensì dalle previsioni già contenute nel precedente piano di fabbricazione, mai contestate, in ordine allistituzione del « parco territoriale », respingeva il ricorso rilevando, per un verso, che il potere di pianificazione territoriale non poteva concretizzarsi nella presa datto della situazione di fatto esistente ovvero nella mera esecuzione delle disposizioni contenute nella legge regionale circa la zonizzazione, e, per altro verso, che proprio linserimento delle aree di proprietà delle ricorrenti nelle zone classificate umide (essendo per queste previste listituzione di un « Parco Urbano »), ne consentiva il recupero ambientale e la migliore sistemazione, senza che ciò comportasse necessariamente lo smantellamento delle attività industriali delle ricorrenti.

Secondo il Tribunale, poi, la scelta del Comune di Fontaniva, di far rientrare la zona su cui insistevano le attività delle ricorrenti in quella di tutela ambientale fluviale per gli ambiti isolati, non contrastava con le previsioni contenute nella L.R. n. 61/85, la quale prescriveva proprio lapprestamento di idonee condizioni per la tutela dellambiente; inoltre, nel rispetto delle previsioni contenute nel piano territoriale regionale di coordinamento, nulla impediva allAmministrazione Comunale di ampliare la tutela apprestata da questultimo, mentre non era pertinente il richiamo alle previsioni del D.P.R. 13 marzo 1976 sulle zone umide, non vertendo la controversia in esame in tema di perimetrazione di zone umide di importanza internazionale.

Avverso tale sentenza hanno proposto appello la Tecnoasfalti S.r.l., la S.M.E.D. S.r.l. e la Vaccari Antonio Giulio S.p.A. con atto di appello notificato tra il 14 ed il 15 ottobre 1997, lamentandone lerroneità alla stregua di due articolati motivi di gravame, con i quali sono state sostanzialmente riproposte le censure svolte in primo grado.

Con ordinanza n. 208 del 3 febbraio 1998, la IV^ Sezione di questo Consiglio di Stato ha respinto listanza incidentale di sospensione dellesecutività dellimpugnata sentenza.

Con separato atto di appello notificato tra l11 ed il 12 novembre 1997 anche lImmobiliare Marilisa S.r.l. ha chiesto la riforma della predetta sentenza, sollevando le stesse censure già respinte dai primi giudici.

In entrambi i giudizi si è costituito il Comune di Fontaniva, che ha dedotto linammissibilità e linfondatezza degli avversi gravami, di cui ha pertanto chiesto il rigetto.

Tutte le parti, nellapprossimarsi delludienza fissata per la discussione, hanno depositato apposite memorie difensive, illustrando le proprie rispettive ragioni.

D I R I T T O

I. E controversa la legittimità della delibera n. 5 del 25 gennaio 1995 del Commissario ad acta del Comune di Fontaniva, recante ladozione del piano regolatore generale, nella parte in cui ha classificato le aree, in parte di proprietà ed in parte in uso per fini industriali alla Tecnoasfalti S.r.l., alla S.M.E.B. S.r.l., alla Vaccari Antonio Giulio S.p.A. e allImmobiliare Marilisa S.r.l., in zona agricola E, invece che in zona D, ricomprendendole altresì nelle c.d. zone umide di tutela ambientale.

Le suindicate società hanno chiesto con due separati ricorsi, luno proposto dalla Tecnoasfalti S.r.l., dalla S.M.E.B. S.r.l. e, dalla Vaccari Antonio Giulio S.p.A. e laltro dallImmobiliare Marilisa S.r.l., la riforma della sentenza n. 1380 del 10 settembre 1997, con il quale il Tribunale amministrativo regionale del Veneto (sez. I^) ha ritenuto legittima la impugnata delibera commissariale.

I due gravami sono affidati ognuno a due ordini di motivi che, sebbene diversamente rubricati, ripropongono le stesse censure mosse in primo grado.

Resiste agli appelli il Comune di Fontaniva, deducendone linammissibilità e linfondatezza ed istando quindi per il loro rigetto.

II. In via preliminare deve innanzitutto disporsi la riunione degli appelli in esame, ai sensi dellarticolo 331 del codice di procedura civile, notoriamente applicabile anche al processo amministrativo, essendo essi rivolti avverso la stessa sentenza.

Deve essere, inoltre, dichiarato improcedibile per sopravvenuta carenza di interesse lappello proposto dalla società Tecnoasfalti S.r.l., in virtù della specifica dichiarazione contenuta nella memoria difensiva del 19 dicembre 2002, depositata il 20 dicembre 2002, confermata dallavvocato difensore alludienza di discussione della causa, secondo cui sono intervenuti appositi accordi con il Comune di Fontaniva, alla cui stregua è venuto meno linteresse ad ottenere lannullamento del provvedimento impugnato in primo grado.

III. Passando allesame del merito, la Sezione rileva che, ai fini della esatta soluzione delle questioni riguardanti la controversia in esame, è indispensabile svolgere alcune brevi osservazioni sulla funzione e sul contenuto del piano regolatore generale.

III. 1. Il piano regolatore generale è notoriamente lo strumento, di carattere programmatico, attraverso cui lente locale provvede alla corretta gestione e alla proficua utilizzazione del intero territorio.

A tal fine, comè noto, esso è costituito da una serie di previsioni e di prescrizioni, alcune di natura normativo regolamentari (come quelle contenute nelle norme tecniche di attuazione ovvero quelle concernenti la determinazione delle tipologie e degli standards urbanistici) e altre di natura provvedimentale (quali le localizzazioni di opere pubbliche, le zonizzazioni, la imposizione di vincoli di inedificabilità per motivi storici, ambientali o paesaggistici, il tracciato delle strade e lindividuazione degli spazi pubblici), tutte improntate ad una unitaria considerazione e gestione del territorio, al fine non tanto e non solo di regolarne lassetto esistente, ma anche di delinearne e assecondarne lordinato sviluppo urbanistico in modo adeguato e coerente con gli interessi della collettività stanziata in un determinato territorio.

A ciò consegue, innanzitutto, che la disciplina urbanistica in esso contenuta è destinata a svolgere i suoi effetti, ordinatori e conformativi, esclusivamente con riferimento al futuro: in tal senso lo strumento urbanistico non può limitarsi a prendere atto delle situazioni di fatto esistenti sul territorio, ponendosi come obiettivo soltanto la loro regolazione, pena il tradimento della sua stessa funzione.

E in tale ottica che trova fondamento il consolidato principio giurisprudenziale, secondo cui le scelte urbanistiche dallAmministrazione comunale costituiscono apprezzamenti di merito, connotati di unamplissima discrezionalità, sottratte al sindacato di legittimità, proprio del giudice amministrativo, salvo che non siano inficiate da errori di fatto o abnormi ovvero da arbitrarietà, irrazionalità o manifesta irragionevolezza, in relazione alle esigenze che si intendono concretamente soddisfare (tra le più recenti, C.d.S., sez. IV, 9 luglio 2002, n. 3817; 22 maggio 2000, n. 2934).

III. 2. Le delineate caratteristiche delle scelte urbanistiche escludono, daltronde, la necessità di una specifica motivazione che tenga conto, anche solo eventualmente, delle aspirazioni dei cittadini, essendo al riguardo sufficiente il semplice riferimento alla relazione di accompagnamento al progetto di piano (ex pluribus, C.d.S., sez. IV, 14 dicembre 2002, n. 6297; 6 febbraio 2002, n. 664; 17 gennaio 2002, n. 250; 19 gennaio 2000, n. 245; 8 febbraio 1999, n. 121; 9 luglio 1998 n. 1073).

Lobbligo di una puntuale motivazione è stato ritenuto sussistente, ai fini del legittimo uso del jus variandi quando, le nuove scelte incidono su aspettative qualificate del privato, quale quelle derivanti: dalla stipulazione di una convenzione di lottizzazione; da una sentenza dichiarativa dellobbligo di disporre la convenzione urbanistica; da un giudicato di annullamento di un diniego di concessione edilizia; dalla decadenza di un vincolo preordinato allespropriazione (C.d.S., A.P. 22 dicembre 1999, n. 24; sez. IV, 9 luglio 2002, n. 3817; 27 maggio 2002, n. 2899; 20 novembre 2000, n. 6177; 12 marzo 1996, n. 301); è stato, invece, considerato affidamento generico quello relativo alla non reformatio in peius di precedenti previsioni urbanistiche che non consentono una più proficua utilizzazione dellarea, con la conseguenza che in tali casi non sussiste la necessità di una motivazione specifica delle nuove destinazioni urbanistiche rispetto a quelle che può agevolmente evincersi dai criteri di ordine tecnico urbanistico seguiti per la redazione dello strumento stesso (C.d.S., sez. IV, 14 giugno 2001, n. 3146; 20 ottobre 2000, n. 5635; A.P. 22 dicembre 1999, n. 24).

III. 3. Per completezza deve aggiungersi che, in concreto, lunico limite che incontra lente locale nellesercizio della delicata funzione di pianificazione urbanistica, salvo quello intrinseco già delineato della non arbitrarietà, non irragionevolezza e non irrazionalità, è costituito dalle “direttive” contenute nei piani territoriali di coordinamento e in quelli ad essi assimilati, quale con riferimento al caso che ci occupa il Piano territoriale regionale di coordinamento (PTRC), di cui alla legge 30 aprile 1990, n. 40.

Tali direttive indicano evidentemente – i parametri minimi a cui deve adeguarsi, per la protezione di alcuni specifici interessi urbanistici ovvero per la tutela di altri interessi pubblici incidenti sulla materia urbanistica (tutela paesaggistica, difesa del suolo, etc.), la discrezionalità dellente locale, senza poter impedire che il concreto esplicarsi della funzione di pianificazione possa accordare ai predetti interessi pubblici una tutela anche maggiore di quella minima di riferimento.

Inoltre deve evidenziarsi che la normativa statale (in primis, la legge 17 agosto 1942, n. 1150, e le successive in materia) e quella regionale in materia urbanistica (con riferimento al caso di specie, la legge regionale 27 giugno 1985, n. 61) contengono norme che disciplinano il concreto esercizio della funzione di pianificazione urbanistica e il relativo uso della discrezionalità indirizzandola alleffettivo soddisfacimento dellinteresse pubblico; tali norme, tuttavia, salvo limitatissime previsioni che devono considerarsi eccezionali e di stretta interpretazione, non possono giammai essere interpretate nel senso di imporre allAmministrazione determinate scelte urbanistiche, facendo del relativo strumento urbanistico generale un atto a contenuto, anche parzialmente, vincolato.

IV. Ciò posto, ad avviso della Sezione, entrambi gli appelli, sia quello proposto dalla S.M.E.B. S.r.l e dalla Vaccari Antonio S.p.A., sia quello proposto dallImmobiliare Marilisa S.r.l. devono essere respinti, essendo del tutto infondati gli spiegati motivi di gravame che, stante la sostanziale identicità, possono essere trattati congiuntamente.

IV. 1. E innanzitutto del tutto priva di fondamento la censura con la quale gli appellanti hanno lamentato la presunta illegittimità della scelta dellAmministrazione comunale di classificare le aree di loro proprietà ovvero da loro utilizzate in zona agricola E, invece che in zona D, benché sulle stesse vi fossero le loro attività industriali, assumendo al riguardo la violazione e falsa applicazione degli articoli 9, 10, 24, 27 e 30 della legge regionale 27 giugno 1985, n. 61, oltre al difetto di motivazione.

IV.1.1. Invero, come hanno correttamente rilevato i primi giudici (e sulla base di quanto precedentemente osservato), il concreto esercizio da parte dellente locale della funzione di pianificazione urbanistica in ordine alla zonizzazione del proprio territorio è frutto di unamplissima discrezionalità che sfugge al sindacato di legittimità del giudice amministrativo, impingendo direttamente nel merito dellazione amministrativa, salva leventuale palese irragionevolezza, irrazionalità o arbitrarietà, che nel caso di specie non emergono.

Deve evidenziarsi, infatti, come costituisca circostanza pacifica il fatto che le aree, la cui classificazione urbanistica è oggetto di contestazione, ricadono nellarea golenale del fiume Brenta: orbene, proprio, larticolo 27 della invocata legge regionale del Veneto 27 giugno 1985, n. 61, disciplinando in particolare le zone di tutela e le fasce di rispetto, impone obbligatoriamente allente locale di individuare nel piano regolatore generale tra le zone di tutela, “le golene, i corsi dacqua, gli invasi dei bacini naturali ed artificiali, nonché le aree ad essi adiacenti per una profondità adeguata”.

Pertanto, la scelta operata dallAmministrazione comunale di Fontaniva di classificare tale zona come agricola (zona E, sottozona E2) è pienamente conforme agli indirizzi di tutela del territorio contenuti nella indicata normativa regionale, volta evidentemente a preservare dallattività edilizia alcune zone non solo per il loro particolare valore ambientale, ma anche al fine di evitare eventuali danni alle persone o alle cose (tra le zone di tutela infatti sono espressamente comprese, per esempio, le aree soggette a dissesto idrogeologico, a pericolo di valanghe ed esondazioni o che presentano caratteristiche geologiche o morfologiche tali da non essere idonee a nuovi insediamenti; gli arenili e le aree di vegetazione dei litorali marini; le aree umide, le lagune e le relative valli; le aree comprese fra gli argini maestri e il corso dacqua dei fiumi e nelle isole fluviali, etc.).

IV.1.2. Ciò tanto più se si tiene conto che, come emerge dalle Norme Tecniche di Attuazione, allarticolo 28, disciplinando la sottozona E2, in cui specificamente ricade larea in esame, ne ha previsto la inclusione in un costituendo Parco Agrario, da realizzare mediante un progetto di sistemazione ambientale finalizzato, oltre che alla tutela, al ripristino e alla riqualificazione dei caratteri e dei valori naturali e culturali dellambiente (lett. a), anche al recupero e alla riqualificazione degli insediamenti esistenti, eliminando le situazioni di degrado ambientale, consentiti per le aree interessate dalle escavazioni anche mediante sistemazioni innovative.

Dallesame di tale norma emerge, altresì, la ragionevole certezza che lAmministrazione comunale di Fontaniva abbia effettuato le contestate scelte urbanistiche nella piena consapevolezza dellesistenza delle attività industriali delle società appellanti e con lintenzione, come si ricava dalla lettura della relazione di accompagnamento al piano regolatore nel capitolo relativo agli obiettivi della pianificazione, di porre rimedio alla situazione di degrado ambientale esistente nella zona, ritenendo che la esistenza di tali attività in loco, per un verso, non potesse automaticamente legittimare la creazione di una vera e propria zona di insediamenti industriali, incompatibile con i valori ambientali e naturali del luogo, e, per altro verso, assicurando in ogni caso, anche nellambito dellistituendo Parco agrario, il recupero e la riqualificazione degli insediamenti esistenti, proprio nel rispetto della salvezza dei prevalenti interessi ambientali.

IV.1.3. Daltra parte, la Sezione osserva che le previsioni contenute nel terzo comma dellarticolo 24 della predetta legge regionale, secondo cui “nelle zone di tipo D vanno comprese anche le parti del territorio già destinate, totalmente o parzialmente, a insediamenti per impianti industriali o a essi assimilati”, diversamente da quanto sostenuto dalle società appellanti, non possono svuotare lesercizio della funzione urbanistica riservata al comune, imponendogli di limitarsi ad una mera presa datto della preesistente destinazione produttiva delle singole parti del territorio comunale.

E significativo, al riguardo, ricordare lavviso della Corte Costituzionale che, con la sentenza n. 79 del 10 marzo 1994, pronunziando sulla questione di legittimità costituzionale proprio dell’art. 24, terzo comma, della legge regionale 27 giugno 1985, n. 61 della Regione Veneto sollevata, con riferimento agli artt. 5, 32, 97 e 128 della Costituzione, dal Tribunale amministrativo regionale per il Veneto sulla base della stessa interpretazione sostenutane dalle società appellanti, lha respinta, evidenziando che il predetto articolo 24 si limita a descrivere le caratteristiche delle zone territoriali omogenee in cui il piano regolatore generale deve suddividere il territorio, prevedendo, al terzo comma, soltanto che nelle zone di tipo D “vanno comprese anche le parti del territorio già destinate, totalmente o parzialmente, a insediamenti per impianti industriali o ad essi assimilati”.

Una simile disposizione secondo il giudice delle leggi non impone alcun obbligo per il comune di rendere immodificabili le aree comprese nelle stesse zone sulle quali preesistano insediamenti produttivi, come si ricava peraltro dalla lettura del successivo articolo 30, il quale stabilisce che il piano regolatore generale individua le zone territoriali omogenee di tipo D, indicando fra le altre componenti (al punto 3), gli impianti esistenti “che si confermano nella loro ubicazione”.

Secondo la Corte Costituzionale, quindi, resta pur sempre nella disponibilità del comune, in sede di redazione del piano, di confermare o meno nella loro ubicazione gli impianti industriali esistenti, per cui solo dopo tale conferma assume rilievo la previsione dell’art. 24, terzo comma, della legge regionale 27 giugno 1985, n 61, della Regione Veneto, circa l’inclusione nelle zone di tipo D delle parti del territorio già destinate ad insediamenti industriali.

Tale autorevole insegnamento dissipa ogni dubbio sulla legittimità della scelta urbanistica operata dal Comune di Fontaniva di classificare le aree in questione in zona E (sottozona E2), trattandosi dellunica classificazione come accennato in precedenza – capace di contemperare i contrapposti interessi, pubblici e privati, in gioco, quelli relativi al rilievo delle preesistenti attività industriali con le esigenze di tutela, nel pieno rispetto dei principi di imparzialità e di buon andamento, oltre che ovviamente di legalità dellazione amministrativa, delineati dallarticolo 97 della Costituzione.

E appena il caso di rilevare che , a voler seguire la tesi delle società appellanti, si giungerebbe allabnorme conclusione che le zone golenali (che secondo il legislatore regionale devono essere oggetto di particolare tutela) avrebbero dovuto essere classificate come zona D, di tipo industriale, artigianale e commerciale, con conseguente evidente impossibilità di conseguire le finalità di tutela ambientale predicate dalla stessa legge regionale.

IV. 2. Egualmente infondato è laltro motivo di gravame, con il quale le società appellanti hanno lamentato lillegittima inclusione delle aree su cui insistono le loro attività industriali nelle zone umide, in violazione delle previsioni contenute nello stesso piano territoriale regionale di coordinamento e della convenzione di Ramsar, di cui al D.P.R. 13 marzo 1976, n. 448.

In realtà, come hanno correttamente evidenziato i primi giudici, sebbene non sia contestato che larea di cui si discute non rientra allinterno delle zone umide indicate dallart. 21 del piano territoriale regionale di coordinamento, tale circostanza non è di alcun rilievo ai fini della legittimità del provvedimento in esame.

Le norme del predetto piano, sovraordinato rispetto al piano regolatore generale, si impongono a questultimo nel senso di individuare il “minimun” essenziale della relativa tutela ambientale, non potendo ovviamente impedire allente locale, nel concreto esercizio della sua propria funzione urbanistica, di prevedere per alcune zone ovvero per le stesse zone contemplate nel piano sovraordinato una tutela territorialmente più ampia e/o qualitativamente più incisiva, allargando lambito territoriale delle cc.dd. zone umide ad ambiti non previsti dal piano territoriale regionale di coordinamento, salvo evidente il limite della manifesta irragionevolezza o irrazionalità ovvero labnormità o lillogicità della previsione, in relazione alla concreta situazione di fatto: ciò proprio in relazione alla tutela costituzionale prevista dallarticolo 9, secondo comma, che non può non inerire anche alla pianificazione urbanistica, in senso lato.

Nel caso di specie, quindi, correttamente proprio nel quadro della dichiarata tutela dei valori ambientali perseguita dal piano regolatore generale, secondo gli obiettivi indicati nella relativa relazione di accompagnamento, il Comune di Fontaniva ha ricompresso nelle zone umide gli ambiti golenali in cui ricadono le attività industriale delle società appellanti, zone, peraltro, che, come emerge dalla documentazione in atti, secondo le previsioni dello stesso piano territoriale regionale di coordinamento, rientrano pur sempre allinterno dellambito per listituzione del Parco del Medio Corso del Brenta e sono quindi oggetto di specifica attenzione e tutela ambientale.

Inconferente, ad avviso della Sezione, è il richiamo ad una presunta violazione del D.P.R. 13 marzo 1976, n. 448, recante “Esecuzione della convenzione relativa alle zone umide dimportanza internazionale, soprattutto come habitat degli uccelli acquatici, firmata a Ramsar il 2 febbraio 1971″, non solo perché, trattandosi di una convenzione internazionale, è fonte di obbligo degli stati nei confronti degli altri stati contraenti, ma anche per quanto non può ragionevolmente contestarsi che le aree in cui insistono le attività industriali delle società appellanti rientrano nella ampia definizione delle zone umide di cui allarticolo 1 (quale bacino naturale con acqua corrente dolce), richiamato – a fini meramente indicativi – dallarticolo 21 del piano territoriale regionale di coordinamento, secondo cui “le zone umide sono costituite da particolari ambiti naturalistico ambientali e paesaggistici rientranti nella più ampia definizione dettata dal D.P.R. n. 448 del 1976″.

V. In conclusione, gli appelli proposti da devono essere respinti: le spese seguono la soccombenza e sono liquidate come in dispositivo

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (sezione quarta), definitivamente pronunciando sugli appelli proposti dalle società Tecnoasfalti S.r.l., S.M.E.B. S.p.A e dalla Vaccari Antonio S.p.A., nonché dallImmobiliare Marilisa S.r.l. avverso la sentenza n. 1380 del 10 settembre 1997 del Tribunale amministrativo regionale del Veneto (sez. I^, così provvede:

riunisce gli appelli;

dichiara improcedibile per sopravvenuta carenza di interesse lappello proposto dalla società Tecnoasfalti S.r.l.;

respinge gli appelli proposti dalle società S.M.E.B. S.r.l., dalla Vaccai Antonio S.p.A. e dallImmobiliare Marilisa S.r.l.;

condanna tutti gli appellanti al pagamento in favore del Comune di Fontaniva delle spese del presente grado di giudizio che si liquidano in complessivi euro 5.000 (cinquemila).  

Ordina che la presente decisione sia eseguita dall’Autorità amministrativa.

Così deciso in Roma, addì 14 gennaio 2003 dal Consiglio di Stato in sede giurisdizionale Sezione Quarta riunito in camera di consiglio con lintervento dei seguenti signori:

RICCIO STENIO – Presidente

SALVATORE COSTANTINO – Consigliere

RULLI DEDI MARINELLA – Consigliere

CARINCI GIUSEPPE – Consigliere

SALTELLI CARLO – Consigliere, est.

LESTENSORE IL PRESIDENTE

Depositata in segreteria il 26 maggio 2003.