Civile

martedì 12 settembre 2006

Energia Elettrica: delibera n. 181/06 – Relazione AIR Aggiornamento delle fasce orarie con decorrenza 1 gennaio 2007

Energia Elettrica: delibera n. 181/06 – Relazione AIR Aggiornamento delle fasce orarie con
decorrenza 1 gennaio 2007

L’AUTORITÀ PER L’ENERGIA
ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 2 agosto 2006

Visti:

la
direttiva 2003/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26giugno 2003 (di
seguito: direttiva 2003/54/CE) relativa a norme comuni per il mercato interno
dell’energia elettrica e che abroga la direttiva 96/92/CE);

la legge
14 novembre 1995, n. 481;

il
decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79;

l’Allegato
A alla deliberazione dell’Autorità per l’energia elettrica edil gas (di
seguito: l’Autorità) 30 gennaio 2004, n. 5/04 recante disposizioni
dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas per l’erogazione dei servizi di
trasmissione, distribuzione, misura e vendita dell’energia elettrica per il
periodo di regolazione 2004-2007 e disposizioni in materia di contributi di
allacciamento e diritti fissi (di seguito: Testo Integrato);

la
deliberazione dell’Autorità 5 novembre 2004, n. 196/04 (di seguito:
deliberazione n. 196/04) recante avvio del procedimento per la definizione
delle fasce orarie per il periodo 2006-2007;

la
deliberazione dell’Autorità 28 settembre 2005, n. 203/05;

la
deliberazione dell’Autorità 29 dicembre 2005, n. 299/05 (di seguito:
deliberazione n. 299/05);

il
documento per la consultazione 30 settembre 2005 recante "Orientamenti in
materia di definizione delle fasce orarie con riferimento agli anni 2006 e
2007" (di seguito: documento per la consultazione 30 settembre 2005);

il
documento per la consultazione 22 novembre 2005 "Revisione
dell’articolazione per fasce orarie dei corrispettivi di alcuni servizi di
pubblica utilità nel settore elettrico per gli anni 2006 e 2007" (di
seguito: documento per la consultazione 22 novembre 2005);

il
documento per la consultazione 3 luglio 2006 recante "Proposte in materia
di definizione delle fasce orarie per l’anno 2007 e successivi" (di
seguito: documento per la consultazione 3 luglio 2006);

la
relazione AIR allegata alla presente deliberazione (Allegato A).

Considerato che:

la Tabella
1 del Testo integrato stabilisce le fasce orarie su cui possono essere
articolati i corrispettivi dei soli servizi di pubblica utilità oggetto delle
disposizioni del medesimo Testo integrato;

le fasce
orarie di cui alla Tabella 1 del Testo integrato devono raggruppare ore
sufficientemente omogenee in termini di valore atteso dell’energia elettrica
all’ingrosso, nonché rispondere a criteri di semplicità;

con
deliberazione n. 196/04, l’Autorità ha avviato un procedimento per la
formazione di un provvedimento di aggiornamento, per il periodo 2006-2007,
delle fasce orarie di cui alla Tabella 1 del Testo integrato;

in esito
all’attività istruttoria condotta dalla Direzione energia elettrica
dell’Autorità nell’ambito del mandato conferito ai sensi della deliberazione
196/04 è emerso che la definizione delle attuali fasce orarie non soddisfa i
requisiti di omogeneità e semplicità;

in esito
all’attività istruttoria condotta dalla Direzione energia elettrica
dell’Autorità ai sensi della deliberazione n. 196/04 per l’anno 2006 sono stati
emanati i documenti per la consultazione rispettivamente in data 30 settembre
2005, 22 novembre 2005 ed è stato organizzato dalla Direzione Energia Elettrica
dell’Autorità un focus group con i rappresentanti dei consumatori e delle
imprese distributrici; e che nell’ambito del focus group i partecipanti hanno
indicato quale ulteriore requisito la stabilità nel tempo del sistema delle
fasce;

alla
luce, tra l’altro, delle osservazioni inviate dagli operatori ai documenti per
la consultazione 30 settembre 2005 e 22 novembre 2005, nonché degli esiti del
focus group, l’Autorità ha emanato il documento per la consultazione 3 luglio
2006 nel quale vengono proposte delle opzioni di revisione dell’attuale sistema
di fasce;

la quasi
totalità dei soggetti che hanno espresso osservazioni al documento di
consultazione 3 luglio 2006
ha manifestato parere positivo relativamente agli
obiettivi di omogeneità, di semplicità e di stabilità che l’Autorità intende
perseguire attraverso la ridefinizione delle fasce orarie;

la quasi
totalità degli operatori che hanno espresso osservazioni alla consultazione del
3 luglio 2006 ha
manifestato parere positivo nei riguardi di una revisione del profilo delle
fasce orarie per l’anno 2007 e per gli anni successivi purché tale revisione
sia effettuata con ampio anticipo rispetto alla fine dell’anno 2006, anche per
consentire ai medesimi operatori di adattare i propri sistemi informativi e di
organizzare i contratti sulla base del nuovo sistema di fasce;

le
associazioni dei consumatori che hanno espresso osservazioni alla consultazione
3 luglio 2006 hanno mostrato di avere delle riserve sull’opportunità di
modificare le fasce orarie prima del recepimento della direttiva 2003/54/CE e
della definizione del quadro regolatorio concernente la completa apertura del
mercato a tutti i consumatori finali previsto dalla stessa direttiva a
decorrere dall’1 luglio 2007;

dalla
consultazione del 3 luglio 2006 è comunque emerso un generale consenso:

all’utilizzo
della metodologia statistica di analisi dei cluster proposta, in particolare
con le modalità utilizzate per la definizione dell’"opzione 2"
sottoposta a consultazione;

ad una
riduzione del numero di fasce orarie;

ad una
semplificazione della struttura di ciascuna fascia oraria;

dalla
consultazione del 3 luglio 2006 molti soggetti, operatori e consumatori, hanno
infine suggerito la necessità, al fine di aumentare l’omogeneità delle fasce,
di effettuare le seguenti modifiche all’"opzione 2" sottoposta a
consultazione:

previsione
di raggruppamenti orari differenti tra le ore giornaliere del sabato e le ore
della domenica;

previsione
di un raggruppamento differente con riferimento all’ora compresa tra le 7.00 e
le 8.00 dei giorni feriali e del sabato, con l’inserimento di tale ora nella
fascia intermedia;

previsione
di un raggruppamento differente con riferimento all’ora compresa tra le 19.00 e
le 20.00 dei giorni feriali, con l’inserimento di tale ora nella fascia
intermedia.

Ritenuto che sia opportuno:

sostituire
le fasce orarie di cui alla Tabella 1 del Testo integrato con un sistema di
fasce orarie che:

in
ciascuna fascia, raggruppi ore sufficientemente omogenee in termini di valore
atteso di acquisto dell’energia elettrica all’ingrosso;

costituisca
una semplificazione rispetto al sistema di fasce orarie attualmente in vigore,
con una riduzione del numero di fasce;

che la
riduzione del numero di fasce orarie rispetto al sistema di fasce attualmente
in vigore comporti la definizione di tre raggruppamenti distinti, in quanto un
numero di fasce inferiore implicherebbe raggruppamenti di ore non
sufficientemente omogenee;

che le
nuove fasce orarie vengano determinate sulla base delle modalità utilizzate per
la definizione dell’"opzione 2" sottoposta a consultazione, apportando
le modifiche di cui al precedente considerato proposte dai soggetti;

che la
definizione delle fasce orarie sia realizzata con largo anticipo rispetto
all’inizio del 2007

DELIBERA

di
approvare l’articolazione delle fasce orarie secondo lo schema riportato nella
Tabella 1 allegata al presente provvedimento (Tabella 1), di cui forma parte
integrante e sostanziale, la quale sostituisce, con decorrenza 1 gennaio 2007, la Tabella 1 del Testo
integrato;

di
pubblicare il presente provvedimento sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica
Italiana e sul sito internet dell’Autorità(www.autorita.energia.it), affinché
entri in vigore dalla data della sua prima pubblicazione e produca effetti
dall’1 gennaio 2007.

Tabella 1: fasce orarie con
decorrenza 1 gennaio 2007

F1: ore di punta (peak)

Nei giorni dal lunedì al venerdì:

dalle
ore 8.00 alle ore 19.00

F2: ore intermedie (mid-level)

Nei giorni dal lunedì al venerdì:

dalle
ore 7.00 alle ore 8.00 e dalle ore 19.00 alle ore 23.00

Nei giorni di sabato:

dalle
ore 7.00 alle ore 23.00

F3: ore fuori
punta (off-peak)

Nei giorni dal lunedì al venerdì:

dalle
ore 23.00 alle ore 7.00

Nei giorni di domenica e festivi*

Tutte le ore della giornata

* Si considerano festivi: 1
gennaio; 6 gennaio; lunedì di Pasqua; 25 Aprile; 1
maggio; 2 giugno; 15 agosto; 1 novembre; 8 dicembre; 25 dicembre; 26 dicembre