Enti pubblici

lunedì 29 ottobre 2007

Consumo e crescita in Italia – Lezione di Mario Draghi Governatore della Banca d’ Italia Torino, 26 ottobre 2007

Consumo e crescita in Italia -
Lezione di Mario Draghi Governatore della Banca d’Italia Torino, 26 ottobre
2007

Sommario

Tendenze dei consumi in
Italia…………………………………………………………………..

La stasi recente dei consumi: una
spiegazione aggregata……………………………….

Cambiamenti demografici
…………………………………………………………………………

Mercato del lavoro e
redditi…………………………………………………………………….

Le risposte possibili di politica
economica…………………………………………………

Tendenze dei consumi in Italia

La spesa pro capite per consumi è
oggi più che raddoppiata rispetto al 1970. La sua crescita si è però fermata
negli ultimi sei anni, dopo essere stata pari in media all’1,7 per cento nel
corso degli anni Novanta (Fig. 1). Dal 1990 la dinamica dei consumi è stata comunque
assai più sostenuta di quella del reddito disponibile, il cui valore pro capite
è rimasto sostanzialmente stazionario per tutto il periodo. Questi andamenti si
discostano da quelli delle altre maggiori economie dell’Unione europea (Fig.
2). Nell’ultimo quindicennio in Francia e, soprattutto, nel Regno Unito il
reddito pro capite è cresciuto a ritmi sostenuti, favorendo una rapida
espansione dei consumi. In Germania, che ha condiviso con noi una fase di quasi
stagnazione della crescita economica fino a due anni fa, la dinamica della
spesa è risultata inferiore a quella del reddito, che ha beneficiato degli
intensi processi di ristrutturazione, dei miglioramenti della produttività e
della rafforzata capacità esportatrice del sistema produttivo tedesco. Viene confermata la fondamentale diversità dei casi italiano
e tedesco: il nostro sistema ha sofferto di una crisi di competitività
internazionale, quello tedesco di una crisi di fiducia dei consumatori. I dati
per la nostra economia sollevano due questioni tra loro interconnesse. La prima
è quali fattori spieghino l’aumento dei consumi pur in
presenza di un reddito stazionario negli anni Novanta. La seconda è se la
mancata crescita della spesa delle famiglie negli ultimi sei anni sia da
ritenersi un episodio temporaneo o sia invece l’anticipazione di un
rallentamento strutturale della domanda con cui confrontarsi negli anni futuri.

La stasi recente dei consumi: una
spiegazione aggregata

Nel modello di ciclo vitale, che
costituisce ancor oggi il quadro teorico di riferimento per analizzare le
scelte di consumo, queste sono il risultato di una pianificazione che tiene
conto di tutte le risorse disponibili, correnti e future. Incrementi inattesi e
ritenuti permanenti del reddito o della ricchezza inducono una
espansione dei piani di consumo perché allentano il vincolo di bilancio
intertemporale. Secondo stime che saranno diffuse
entro l’anno dalla Banca d’Italia, la ricchezza delle famiglie italiane – non
considerando quella pensionistica pubblica, in accordo con le norme statistiche
internazionali – ha mostrato un deciso incremento dalla metà degli anni
novanta: pur tenendo conto delle difformità nazionali nella valutazione delle
attività reali, alla fine del 2004 essa era pari a circa otto volte il reddito disponibile,
un valore in linea con quello del Regno Unito e nettamente più elevato di
quelli di Giappone, Francia, Germania e Stati Uniti. Nel nostro paese le
attività finanziarie rappresentano poco meno della metà della ricchezza totale
netta, una quota superiore a quella francese, pressoché pari a quelle della Germania e del Regno Unito e molto al di sotto di
quelle degli Stati Uniti e Giappone. L’indebitamento delle famiglie italiane,
pur in significativo aumento, rimane molto inferiore nel confronto con gli
altri paesi. La ricchezza influenza il consumo anche a
seconda della forma in cui è detenuta. Le diverse attività patrimoniali
tendono ad avere una fungibilità imperfetta per le differenti motivazioni che
ne guidano l’accumulazione e per i diversi costi di transazione. La ricchezza
finanziaria è prevalentemente un deposito di valore e ha costi di detenzione
relativamente bassi; la ricchezza immobiliare residenziale è sia riserva di
valore, sia bene di consumo, in quanto fornisce servizi abitativi il cui costo
varia con il prezzo di mercato degli immobili. Gli effetti sui consumi di una
variazione della proprietà immobiliare sono di più difficile valutazione,
perché risentono delle modalità di finanziamento dell’acquisto di un’abitazione
e, più in generale, del grado di sviluppo dei mercati dei capitali. A fini di
stima empirica si può ipotizzare una relazione in cui i consumi aggregati delle
famiglie sono una funzione del reddito, dello stock di ricchezza immobiliare e
dello stock di ricchezza finanziaria. Con riferimento all’economia italiana e
agli anni 1980-2006, si stima una relazione di lungo periodo secondo cui un
incremento di 100 euro del reddito disponibile si traduce in un aumento dei
consumi di 60; un innalzamento di 100 euro del valore della ricchezza si
traduce in un aumento dei consumi di 6 nel caso della ricchezza finanziaria e
di soli 1,5 nel caso di quella immobiliare1. Quest’ultimo incremento è
inferiore a quello che ricerche analoghe stimano per le economie anglosassoni,
compreso fra 5 e 10, riflettendo plausibilmente la diversa disponibilità di
strumenti finanziari che consentono di ridurre i costi di transazione e
tradurre in potere d’acquisto le variazioni del valore degli immobili. La
propensione a consumare rispetto alla ricchezza finanziaria non presenta
differenze sostanziali nel confronto internazionale, mentre quella rispetto al
reddito appare lievemente superiore in Italia. La ricchezza pensionistica, se
inclusa nella stima, ha un impatto trascurabile sui consumi nel periodo esaminato,
contrariamente all’effetto positivo che si trova per il quarantennio fino ai
primi anni novanta. Le ripetute modifiche delle regole previdenziali da allora
intervenute avrebbero reso più incerte l’entità dei benefici futuri e la data
del pensionamento, riducendo la sensibilità dei piani di consumo alla ricchezza
pensionistica. L’incertezza sull’esito finale dei numerosi interventi sulla
previdenza nonché il calo della ricchezza pensionistica avrebbero negli anni
recenti comportato una più intensa accumulazione delle altre forme di
ricchezza, contribuendo per questa via a frenare i piani di consumo. Dai primi
anni Novanta, nella funzione di consumo aggregata stimata per l’Italia, il
contributo del reddito disponibile alla crescita dei consumi è stato modesto.
L’aumento della spesa delle famiglie nello scorso decennio appare dovuto
soprattutto all’aumento della ricchezza finanziaria, il cui valore si
accresceva principalmente nella componente azionaria, per l’ascesa dei corsi.
Negli ultimi sei anni l’andamento dei mercati dei capitali si è ripercosso sul
valore della ricchezza finanziaria e per quella via sui consumi. La ricchezza
immobiliare è subentrata a quella finanziaria nel sostenere la spesa, sull’onda
dei forti rialzi dei prezzi di vendita delle case. Negli anni più recenti il
suo contributo è triplicato rispetto agli anni Novanta, continuando però a
rimanere relativamente modesto. Il vincolo di bilancio intertemporale e,
quindi, le decisioni di spesa incorporano le attese delle famiglie circa gli
andamenti futuri della spesa pubblica. Le stime aggregate indicano l’operare di
meccanismi di tipo ricardiano: al deciso contenimento del disavanzo nella prima
metà degli anni Novanta è corrisposta un’espansione dei piani di spesa delle
famiglie. Anche il calo dei rendimenti reali a lungo termine, connesso con
l’ingresso nell’unione monetaria, sarebbe stato percepito come permanente,
originando uno spostamento dei programmi delle famiglie dal risparmio al
consumo. Le relazioni di equilibrio di lungo periodo stimate sui dati
aggregati, come quelle di cui ho dato conto finora, pur riflettendo i
comportamenti individuali e le caratteristiche
socio-demografiche della popolazione, non colgono pienamente la varietà
di fattori che a livello microeconomico influenzano la relazione tra scelte di
consumo, reddito e ricchezza. Stimando la funzione di consumo con dati
individuali, la variazione di spesa associata a un incremento di 100 euro del
valore della ricchezza immobiliare diviene pari a circa 3 euro per le famiglie
proprietarie, mentre sarebbe trascurabile per quelle locatarie; l’effetto
complessivo si conferma positivo, in linea con l’intensità stimata sulla base
dei dati aggregati. Nel complesso, l’evidenza aggregata fornisce una
spiegazione coerente delle dinamiche recenti, ma è ai fattori microeconomici
sottostanti che occorre guardare per spiegare gli andamenti futuri: attese di
vita, durata delle carriere lavorative, percezione dei processi che governano
l’evoluzione del reddito e della ricchezza.

Cambiamenti demografici

Nel 1996 il numero di persone con
oltre 65 anni sopravanzava quello degli individui con meno di 15 anni di circa
il 15 per cento; nel 2006 lo superava del 40 per cento, circa tre anziani ogni
due adolescenti. La durata media della vita continua ad aumentare: la speranza
di vita dei sessantacinquenni è cresciuta di circa due anni tra il 1993 e il
2003. Si è ridotto il numero dei figli. Molte ne sono le ragioni, ma vi ha
influito la percezione crescente che le condizioni reddituali e l’organizzazione
della vita familiare, soprattutto nelle grandi città, siano
di ostacolo alla procreazione. Queste sono tendenze comuni a tutte le economie
avanzate, ma particolarmente pronunciate in Italia. Altri cambiamenti hanno
riguardato la struttura della famiglia. Dal 1993-94 al 2003 la quota dei nuclei
familiari con uno o due componenti è aumentata di sei punti percentuali sul
totale, arrivando a costituire oltre la metà delle famiglie italiane. In
particolare, la quota dei nuclei con una persona sola è aumentata di quasi
cinque punti, raggiungendo un quarto del totale, in larga misura per l’aumento
del numero di donne anziane sole. Questi mutamenti hanno importanti conseguenze
per il livello, la composizione e la dinamica della domanda per consumi. L’allungamento
della durata della vita media può implicare una minore spesa se non vi si
associa un prolungamento della vita lavorativa. Nelle fasi più avanzate del
ciclo di vita i consumi tendono a essere finanziati prevalentemente con i
trasferimenti pensionistici, oltre che con il decumulo della ricchezza. Al
ritiro dal mercato del lavoro può seguire un calo della spesa superiore a
quello riconducibile al minore reddito o al cambiamento delle abitudini e delle
esigenze connesso con la cessazione dell’attività lavorativa. I consumi, anche
a parità di altre caratteristiche, tendono a essere più bassi
nelle famiglie giovani e in quelle più anziane e a crescere, anche se in misura
meno che proporzionale, con la dimensione del nucleo familiare. Anche la
composizione della spesa varia considerevolmente lungo il ciclo di vita:
considerando ad esempio le persone che vivono sole, nel 2005 la spesa per la
sanità è pari all’1,7 per cento del totale della spesa per consumi per i
giovani fino a 35 anni, sale al 5,0 per cento per le persone con 65 e più anni;
la quota degli acquisti per abbigliamento passa invece dal 6,6 per cento dei
primi al 3,4 dei secondi. Le condizioni demografiche possono avere apprezzabili
effetti macroeconomici, che non sono colti dalla dinamica dei redditi e della
ricchezza aggregata. Un esercizio basato sull’indagine dei consumi dell’Istat
mostra che se la distribuzione delle caratteristiche demografiche delle
famiglie italiane fosse rimasta quella del 1997, nel 2005 la spesa familiare
media sarebbe risultata superiore di circa l’1,5 per
cento a quella effettivamente realizzatasi; quella in abbigliamento e in mezzi
di trasporto sarebbe stata superiore di quasi il 3 per cento. Il progressivo
invecchiamento della popolazione contribuirà a frenare la dinamica della spesa
privata nei prossimi anni; insieme con la riduzione della dimensione dei nuclei
familiari concorrerà a modificarne la composizione. Questa conclusione è
parziale, perché assume implicitamente che i profili dei redditi e della
ricchezza, come di altri fattori che influenzano le decisioni di spesa, saranno
per le generazioni future simili a quelli delle generazioni passate. Tuttavia,
già oggi si osservano in queste variabili tendenze in contrasto con questa
ipotesi.

Mercato del lavoro e redditi

La generazione che sta ora
entrando e che entrerà nei prossimi anni nel mercato del lavoro vivrà in un
mondo radicalmente diverso da quello delle generazioni attive nella seconda
metà del secolo passato. Diversi sono oggi il funzionamento del mercato del
lavoro e il livello delle retribuzioni. Negli ultimi dieci anni l’occupazione è
aumentata considerevolmente, nonostante lo sviluppo modesto del prodotto. È il
risultato della moderazione salariale, delle riforme e degli accordi
contrattuali che hanno aumentato la flessibilità nell’utilizzo del lavoro. Il
tasso di occupazione delle persone di età compresa tra i 25 e i 35 anni è
aumentato di circa cinque punti percentuali. Tuttavia, a opportunità d’impiego
decisamente maggiori di quelle offerte, alla stessa età, alle generazioni
precedenti si è accompagnata una sensibile riduzione dei salari d’ingresso. I
diplomati o laureati entrati nel mercato del lavoro negli anni più recenti
percepiscono, in termini reali, una retribuzione prossima a quella che ricevevano
coloro che entravano nel mercato del lavoro all’inizio degli anni Ottanta e
inferiore a quella di coloro che entravano nei primi anni Novanta. I più bassi
salari d’ingresso, in un contesto in cui quelli medi nell’economia hanno
continuato anche solo moderatamente a crescere, non hanno schiuso profili di
carriera più rapidi. La riduzione del reddito da lavoro appare, almeno in
parte, di natura permanente e, cosa più importante per le decisioni di spesa, è
percepita come tale dai lavoratori. L’esperienza lavorativa dei giovani
differisce da quella delle coorti precedenti anche per la sua maggiore
discontinuità e imprevedibilità. Nell’ultimo decennio l’incidenza di impieghi
temporanei tra i lavoratori dipendenti di età compresa tra i 25 e i 35 anni è
raddoppiata, raggiungendo il 17 per cento. L’entità complessiva del fenomeno
della precarietà è tuttavia più ampia, poiché ricomprende i molti fra i
lavoratori classificati come autonomi che prestano il loro lavoro secondo
modalità e tempi caratteristici dell’occupazione alle dipendenze. Tra questi la
quota dei più giovani è elevata e sfiora il 45 per cento. La discontinuità
della vita lavorativa costituisce un freno alla spesa per larga parte del ciclo
di vita. In assenza di strumenti e competenze finanziarie adeguate, a parità di
reddito permanente, una maggiore volatilità di quello corrente può indurre
agenti prudenti a comprimere la domanda e a risparmiare di più per accumulare
le risorse necessarie per fronteggiare eventuali situazioni avverse. Nel
confronto internazionale, i livelli retributivi sono in
Italia più bassi che negli altri principali paesi dell’Unione europea.
Secondo dati dell’Eurostat relativi alle imprese dell’industria e dei servizi
privati nel 2001-02, la retribuzione media oraria era, a parità di potere
d’acquisto, di 11 euro in Italia, tra il 30 e il 40 per cento
inferiore ai valori di Francia, Germania e Regno Unito. L’Italia mostra,
come la
Francia, un profilo ascendente per età, mentre in
Germania e Regno Unito il profilo è a U rovesciata: le retribuzioni raggiungono
un apice in corrispondenza delle età più produttive, calano negli anni
successivi (Fig. 3). Le differenze salariali rispetto agli altri paesi sono
appena più contenute per i giovani, si ampliano per le classi centrali di età e
tendono ad annullarsi per i lavoratori più anziani. Il differenziale è minore
nelle occupazioni manuali e meno qualificate. Questi dati rappresentano valori
medi e risentono delle diverse caratteristiche individuali dei lavoratori e
delle loro occupazioni; parte delle differenze è per esempio spiegabile con il
più basso livello di istruzione della manodopera italiana. Anche a parità di
caratteristiche individuali, tuttavia, le retribuzioni mensili nette italiane
risultano in media inferiori di circa il 10 per cento
a quelle tedesche, del 20 a
quelle britanniche e del 25 a
quelle francesi. Percorsi di carriera più incerti e discontinui rendono più
difficile prevedere l’ammontare complessivo dei contributi versati nel corso
dell’intera vita lavorativa. Sono maggiori i rischi relativi al valore della
ricchezza pensionistica effettivamente disponibile in futuro, poiché essa
dipende in misura significativa dall’andamento dei mercati finanziari. Può
aggiungersi l’incertezza suscitata dalle ripetute modifiche delle regole
previdenziali. Nel complesso, i più giovani potrebbero essere indotti a
comprimere ulteriormente la spesa, già moderata da un reddito permanente atteso
più basso che in passato. La percezione di un minor reddito permanente e la
maggiore volatilità di quello corrente si riflettono anche sulle scelte dei
giovani in merito al momento in cui abbandonare la famiglia d’origine,
sommandosi alle molte altre ragioni culturali e sociali. Nel confronto europeo,
l’Italia è il paese con la quota più alta di giovani che convivono con i
genitori e con la quota più bassa di nuclei familiari con capofamiglia al di
sotto dei 30 anni. Negli ultimi dieci anni la quota di giovani tra i 25 e i 35
anni che vive ancora nella famiglia d’origine è cresciuta di circa cinque punti
percentuali, al 45 per cento; la quota è più elevata per i maschi che per le
femmine. I tassi di fecondità sono tra i più bassi in Europa.

Le risposte possibili di politica
economica

Occorre che il reddito torni a
crescere in modo stabile. La produttività è la variabile chiave. Il recente
aumento dell’occupazione si è associato a una minore produttività del lavoro: è
diminuito il ritmo di crescita dell’intensità di capitale, sono divenute
profittevoli occupazioni a basso valore aggiunto. È mancato il sostegno della
crescita della produttività totale dei fattori. Le giovani generazioni d’oggi
guadagnano meno delle precedenti perché la loro produttività è meno adeguata al
paradigma tecnologico corrente di quanto non lo fosse la produttività delle
generazioni entrate nel mercato del lavoro nei decenni passati al vecchio
paradigma. Riportare la produttività su un sentiero ra14 pidamente ascendente
risolve il problema di offerta dell’economia italiana, consente aumenti
retributivi, rafforza la domanda interna. La politica economica può aiutare il
rilancio della produttività e della crescita. La concorde diagnosi dei mali
italiani porta in primo piano l’esigenza di misure volte a riformare le regole
dell’economia e della spesa pubblica. Saranno quelle stesse misure
"strutturali", mirate ad aumentare l’efficienza e la competitività
della produzione interna, a sostenere i redditi e i consumi delle famiglie,
assicurando la crescita dell’economia. Il ventaglio dell’azione pubblica è
ampio. In connessione con i temi che ho qui trattato s’impongono tre campi. Una
coraggiosa riforma del sistema d’istruzione, e in particolare dell’istruzione
superiore, deve sollecitare i giovani in procinto di affacciarsi sul mercato
del lavoro a investire seriamente in capitale umano. Deve consentire loro di
valutare e selezionare la qualità dell’istruzione ricevuta. Deve rendere
trasparente ai datori di lavoro il riconoscimento del talento perché sia
adeguatamente valorizzato, anche nelle politiche retributive. Nel mercato del
lavoro vanno individuati gli strumenti per ripartire più equamente i costi
derivanti dalla maggiore flessibilità. Vi sono modi, sperimentati anche in
altri paesi, per contemperare le esigenze di imprese competitive con le
aspirazioni dei lavoratori che entrano nel mercato, con i bisogni di stabilità
e crescita professionale di coloro che già vi sono. Un innalzamento dell’età
effettiva di pensionamento può ricostruire l’equilibrio fra attesa di vita,
attività lavorativa e modelli di consumo. Aggiungo che la necessità di
accumulare ricchezza a fini precauzionali è tanto meno cogente quanto più è
avanzata l’offerta di strumenti finanziari e assicurativi adeguati ai nuovi
profili di rischio e incertezza. Lo sviluppo dei mercati finanziari e quello
della competenza e deontologia degli intermediari possono contribuire a
soddisfare queste esigenze. Stimolarli è un nostro impegno.

***

Una ripresa della crescita del
consumo è fondamentale per il benessere generale, per la crescita del prodotto,
per la stessa stabilità finanziaria. Destinatari e protagonisti di questo
processo sono in particolare i giovani. La politica economica avrà successo se li aiuterà a scoprire nella flessibilità la
creatività, nell’incertezza l’imprenditorialità.