Enti pubblici

giovedì 03 novembre 2005

Approvate dal Consiglio dei Ministri del 28.10.2005 le nuove misure in tema di porto e detenzione di armi

Approvate dal Consiglio dei Ministri del 28.10.2005 le nuove misure in tema di porto e detenzione di armi

Consiglio dei Ministri

28 ottobre 2005, n.28

Comunicato.

La Presidenza del Consiglio dei Ministri comunica:

ll Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, alle ore 10,15 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente, Silvio Berlusconi.

Segretario, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza, Gianni Letta.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un emendamento alla manovra finanziaria 2006, finalizzato a rimodulare gli strumenti di acquisizione di una quota delle entrate rispetto a quelli previsti in sede di predisposizione del DPEF.

Il Ministro per lattuazione del programma di Governo, Caldoro, ha illustrato al Consiglio il nuovo programma informatico Monitor, finalizzato alla verifica in tempo reale dellattività di Governo con riguardo al conseguimento dei relativi obiettivi. La sua applicazione consentirà un monitoraggio costante dellattività svolta, al fine di implementare lefficacia complessiva dellazione di Governo e contribuire ad una maggiore efficienza della macchina amministrativa; in propettiva essa rappresenterà anche un utile strumento di informazione dei cittadini.

Il Ministro Giovanardi, delegato anche alle politiche antidroga, ha illustrato al Consiglio lorganizzazione e il programma della Conferenza per le tossicodipendenze che si terrà a Palermo dal 5 al 7 dicembre 2005. Il Consiglio ha condiviso le linee indicate dal Ministro auspicando che levento si svolga in un clima di costruttiva collaborazione con le Regioni, gli Enti locali e tutti gli operatori pubblici e privati del settore. Il Consiglio ha altresì convenuto che lo stralcio del disegno di legge sulle tossicodipendenze, attualmente allesame delle Commissioni riunite Giustizia e Sanità del Senato, debba essere oggetto di approfondimento durante i lavori della Conferenza di Palermo, prima della discussione in Aula.

Il Consiglio ha, poi, approvato i seguenti provvedimenti:

su proposta del Presidente del Consiglio, Berlusconi, e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Lunardi:

- un decreto-legge che proroga al 31 dicembre 2005 il termine previsto per la rideterminazione dei canoni demaniali marittimi relativi a concessioni per uso ricreativo-turistico, al fine di consentire il completamento dei lavori dellapposito tavolo tecnico istituito dal Governo per assicurare la soluzione del problema dellevasione dei suddetti canoni, della loro rideterminazione in forma non automatica, nonché delle complesse questioni connesse;

su proposta del Ministro della giustizia, Castelli:

- uno schema di decreto legislativo che attua la delega conferita al Governo dalla legge n.150 del 2005 per individuare le fattispecie tipiche di illecito disciplinare dei magistrati, le relative sanzioni e la procedura per la loro applicazione, nonché per modificare la disciplina in tema di incompatibilità, di dispensa dal servizio e di trasferimento dufficio dei magistrati. Il provvedimento verrà trasmesso al parere delle Commissioni parlamentari;

su proposta del Ministro dellinterno, Pisanu:

- un disegno di legge per la revisione delle norme in materia di porto, detenzione e custodia delle armi. Il provvedimento, finalizzato a rendere più efficiente il sistema dei controlli, introduce misure più attente di verifica che, pur salvaguardando il diritto a possedere legalmente armi, mirano a rafforzare le garanzie di sicurezze a tutela della pubblica incolumità;

- uno schema di regolamento per la riorganizzazione della Scuola superiore di polizia al fine di adeguarne la struttura agli accresciuti impegni formativi. Il provvedimento, sul quale sono state sentite le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative nel settore, verrà trasmesso al Consiglio di Stato per il parere;

su proposta del Ministro per le politiche comunitarie, La Malfa, e del Ministro dellinnovazione e delle tecnologie, Stanca:

- un decreto legislativo che, in attuazione della direttiva 2003/98, disciplina le modalità di riutilizzo, previo assenso ed ove possibile in base alle norme vigenti, di documenti in possesso di pubbliche amministrazioni e di organismi di diritto pubblico. Scopo della disciplina è consentire unequa fruizione dei dati, da parte di terzi, per finalità diverse da quelle per cui sono stati inizialmente prodotti;

su proposta del Ministro per le politiche comunitarie, La Malfa, e del Ministro per i beni e le attività culturali, Buttiglione:

- uno schema di decreto legislativo che attua la direttiva 2001/84 tutelando anche in Italia il cosiddetto diritto di seguito, ovvero il diritto di un autore di opera darte figurativa (anche con riferimento ad originali di manoscritti) a percepire un compenso sulle vendite successive alla prima cessione dellopera, usufruendo così del relativo plusvalore; la necessaria omogeneizzazione della disciplina riservata a tale diritto nei singoli Stati è tesa, oltre che ad integrare pienamente il diritto dautore, ad eliminare disparità di trattamento e fenomeni di inquinamento della concorrenza nel mercato delle opere darte. Lo schema, sul quale è stato sentito il Comitato consultivo permanente per il diritto dautore, verrà sottoposto al parere delle Commissioni parlamentari;

su proposta del Ministro per le politiche comunitarie, La Malfa, e del Ministro delle attività produttive, Scajola:

- uno schema di decreto legislativo di attuazione della direttiva 2003/54 per la definizione della procedura di rilascio delle concessioni per le grandi derivazioni dacqua a scopo idroelettrico; il provvedimento mira alleliminazione di clausole di preferenza nel rinnovo delle concessioni, anche al fine di allineare le imprese italiane sulla media europea e a consentire alle stesse imprese la realizzazione di interventi adeguati di ammodernamento degli impianti; sullo schema verrà acquisito il parere della Conferenza Stato-Regioni e delle Commissioni parlamentari;

su proposta del Ministro degli affari esteri, Fini, e del Ministro della difesa, Martino:

- un disegno di legge per la ratifica e lesecuzione dellAccordo fra lItalia e gli Emirati Arabi Uniti sulla cooperazione nel settore della difesa.

Il Consiglio ha poi deliberato la concessione di un assegno straordinario vitalizio a favore della scrittrice e poetessa Gabriella CHIOMA, ai sensi della legge 8 agosto 1985, n.440 (legge Bacchelli).

E stato altresì deliberato lo stato di emergenza nei territori delle province di Bari e di Brindisi colpiti da eccezionali eventi alluvionali nei giorni scorsi, con uno stanziamento di dieci milioni di euro per i primi interventi. E stato altresì prorogato lo stato di emergenza già dichiarato per fare fronte allafflusso eccezionale di cittadini extracomunitari nel territorio italiano.

Il Consiglio ha approvato la proroga per un semestre dello scioglimento del Consiglio comunale di Villabate (Palermo).

Previa relazione del Ministro dellinterno, il Consiglio ha anche deliberato il seguente limitato movimento di Prefetti:

- dr. Luigi DE SENA da Vice Capo delle Polizia – Direttore centrale della Polizia criminale a Prefetto di Reggio Calabria, anche con lincarico di coordinatore delle attività di sicurezza pubblica e di contrasto della criminalità organizzata e dellattuazione del programma straordinario di intervento in Calabria;

- dr. Giovanni DONOFRIO da Reggio Calabria a Prefetto di Ancona;

- dr. Alessandro PANSA da Direttore centrale dellImmigrazione e della Polizia delle frontiere a Vice Capo della Polizia – Direttore centrale della Polizia criminale.

Il Consiglio ha inoltre approvato, su proposta del Presidente del Consiglio, la nomina a componenti del CNEL dei dottori Carlo MOCHI (imprese-commercio) e Federico VECCHIONI (imprese-agricoltura e pesca).

Il Consiglio, infine, su proposta del Ministro degli affari regionali, La Loggia, ha esaminato talune leggi regionali a norma dellarticolo 127 della Costituzione.

La seduta ha avuto termine alle ore 12,50.