Famiglia

venerdì 10 giugno 2005

Annullabile il matrimonio concordatario se c’ è l’ accordo tra i coniugi di utilizzare anticoncezionali in attesa che le condizioni economiche migliorino e si possa pensare ai figli

Annullabile il matrimonio concordatario se cè laccordo tra i coniugi di utilizzare anticoncezionali in attesa che le condizioni economiche migliorino e si possa pensare ai figli

Cassazione Sezione prima civile sentenza 31 marzo giugno 2005, n. 12010

Presidente Losavio relatore Magno

Pm Abbritti conforme ricorrente Neri controricorrente Petrolati

Svolgimento del processo

1.- Il signor Claudio Petrolati convenne in giudizio davanti alla corte dappello di Ancona, con ricorso depositato il 30 maggio 2001, la signora Giuseppina Neri, con la quale aveva contratto matrimonio concordatario il 5 settembre 1993, per sentir dichiarare efficace nello Stato, coi conseguenti provvedimenti, la sentenza pronunziata il 6 settembre 2000 dal tribunale ecclesiastico regionale umbro, ratificata il 18 dicembre 2000 dal tribunale ecclesiastico regionale e di appello etrusco, resa esecutiva con decreto 18 aprile 2001 del supremo tribunale della segnatura apostolica, con cui era stata dichiarata la nullità del matrimonio per esclusione della procreazione (bonum prolis) da parte di esso attore.

2. – Istituitosi il contraddittorio, Giuseppina Neri si oppose alla chiesta delibazione e propose domanda riconvenzionale subordinata di condanna del Petrolati a corrisponderle congrua somma a titolo di mantenimento per tre anni, oltre agli alimenti, se dovuti.

Il procuratore generale della Repubblica presso detta corte concluse in senso favorevole alla delibazione della sentenza ecclesiastica.

3.- Con sentenza depositata il 6 dicembre 2001, la corte dappello di Ancona, accogliendo la domanda, dichiarò efficace nello Stato la menzionata sentenza ecclesiastica di nullità del matrimonio concordatario celebrato da Claudio Petrolati e Giuseppina Neri, avendo desunto, dallesame di deposizioni trascritte nella motivazione di detta sentenza, il convincimento circa la sussistenza dì un patto fra le parti, precedente alla celebrazione del matrimonio, con cui esse limitavano concordemente – anche se per diverse e non necessariamente conosciute e condivise motivazioni – la disponibilità ad avere figli al verificarsi di certe condizioni. Laccertata mancanza di buona fede della donna determina altresì, secondo la corte dappello, il rigetto della riconvenzionale da essa proposta ai sensi dellarticolo 129bis Cc.

4.- Per la cassazione di tale sentenza propone ricorso Giuseppina Neri, con sei motivi, cui resiste, mediante controricorso e memoria illustrativa, Claudio Petrolati.

Il procuratore generale della Repubblica presso la corte dappello di Ancona, intimato, non svolge difese in questo giudizio.

Motivi della decisione

5.- Si deve preliminarmente disattendere leccezione, sollevata dal controricorrente con la memoria illustrativa, secondo la quale la sentenza impugnata (sentenza 62/2001 della corte dappello di Ancona, depositata il 6 dicembre 2001; erroneamente citata nellintestazione del ricorso come sentenza 109/01 di detta corte dappello, pronunziata il 6 dicembre 2002 e depositata il 6 novembre 2002) sarebbe passata in giudicato, come affermato íncidenter  tantum dal tribunale di Roma nella sentenza pronunziata in materia di separazione personale fra le stesse parti.

Si osservainfatti che – esclusa ogni possibilità dincertezza (nonostante gli evidenti errori sopra indicati), in ordine alla sentenza effettivamente impugnata col presente ricorso ed allegata agli atti in copia autentica – non è consentito proporre con la memoria illustrativa di cui allarticolo 378 Cpc motivi nuovi (nella specie, il fatto di avere altro giudice affermato il passaggio in giudicato della sentenza qui impugnata); motivi che quindi risultano inammissibili, non avendo tale memoria altra funzione che quella di chiarire le ragioni a sostegno od a confutazione dei motivi enunciati nel ricorso (Cassazione, 2478/01, 5079/00, 1699/96, 3954/86 e molte altre).

6.- Col primo motivo di gravame la ricorrente censura la sentenza impugnata per violazione dellarticolo 6, par. 1, della Convenzione Europea dei diritti dellUomo (firmata a Roma il 4 novembre 1950, ratificata con legge 848/55) e dellarticolo 24 della Costituzione della Repubblica.

6.1.- Sostiene, in proposito, che le dedotte violazioni di legge, impeditive della delibazione, consisterebbero nellavere la corte anconetana ritenuto compatibile con lordinamento interno italiano la pronunzia ecclesiastica di nullità del vincolo, nonostante fosse stata emanata a seguito di una procedura affetta da gravi anomalie, consistenti:

6.1.1.- nel mancato rispetto del principio del contraddittorio, essendo stato fissato il dubbio (thema decidendum) senza il concorso di essa convenuta;

6.1.2.- nella mancata concessione di un termine a suo favore, per approntare adeguatamente le proprie difese;

6.1.3.- nell impossibilità di partecipare alle udienze con proprio difensore;

6.1.4.- nella mancata fissazione di termini per controdedurre ed indicare prove contrarie;

6.1.5.- nellassenza di pubblicità degli atti di causa, conosciuti da essa convenuta solo al termine dellistruzione processuale.

6.2.- Aggiunge che – come affermato dalla corte europea dei diritti dellUomo con sentenza 20 luglio 2001 in causa Pellegrini c. Italia – nel giudizio per il riconoscimento di efficacia ad una sentenza di nullità del matrimonio pronunziata da tribunali di uno Stato (la Santa Sede) non ratificante la suddetta convenzione europea, il giudice italiano deve verificare il rispetto, da parte di detti tribunali, del diritto ad un processo equo, in conformità allarticolo 6, comma 1, della convenzione stessa; risultando leso, in difetto, anche il principio della difesa, quale diritto inviolabile della persona, ai sensi dellarticolo 24 della Costituzione.

6.3.- La censura suesposta è inammissibile, perché del tutto nuova- (oltre che imprecisa e carente nellindicazione specifica di principi violati e di conseguenti, concreti pregiudizi alle possibilità di difesa: cfr. Cassazione  9077/02, 12591/01, 12657/93).

6.4.- Si osserva, infatti, che lattuale ricorrente, contrastando davanti alla corte dappello la pretesa attorea e svolgendo domanda riconvenzionale per il riconoscimento di somme a proprio favore, ai sensi dellarticolo 129bis Cc, non si lamentò affatto della presunta lesione di diritti della difesa davanti ai tribunali ecclesiastici, ma si limitò a contestarne la pronunzia per altro motivo (ignoranza, senza propria colpa, della riserva mentale dello sposo circa lesclusione del bonum prolis).

Pertanto, tale lagnanza non può essere proposta per la prima volta col ricorso per cassazione, non essendo compresa nel tema del decidere dei giudizio dappello (Cassazione, 5150/03, 194/02, 10902/01) e non trattandosi di questione rilevabile dufficio, perché attinente alle modalità di un giudizio svoltosi davanti a tribunali diversi da quelli dello Stato, i cui even­tuali vizi debbono essere dedotti e provati ai sensi dei nn. 2 e 3, del comma 1 dellarticolo 797 Cpc, connotato da ultrattività in subiecta materia (Cassazione,  8764/03), nonostante lavvenuta abrogazione (articolo 73, legge 218/95), perché espressamente richiamato dallarticolo 4, lett. b) del Protocollo addizionale allAccordo 18 febbraio 1984 fra la Repubblica Italiana e la Santa sede, ratificato con legge 121/85.

7.- Col secondo motivo la ricorrente rileva, in contrasto con quanto ritenuto e deciso dalla sentenza d appello, illegittimità della delibazione a causa della pretesa violazione dellordine pubblico italiano – e precisamente del principio di tutela della buona fede e dellaffidamento incolpevole – da parte della sentenza ecclesiastica di nullità del matrimonio, fondata sulla riserva mentale unilaterale dello sposo, ignorata senza propria colpa da essa nubenda.

7.1.- La censura in esame è infondata, avendo il giudice dappello – cui è inibito il riesame del merito del materiale probatorio acquisito nel corso del giudizio ecclesiastico in ordine alleffettiva esistenza della riserva mentale (Cassazione,  4311/99, 2325/99, 2330/94) – estesamente motivato circa la conoscenza o conoscibilità di essa da parte dellaltro coniuge, attraverso il controllo delle deposizioni riportate dalla sentenza delibanda, da cui scaturisce la prova che, ancora prima del matrimonio, tra i due nubendi fu concluso un patto e cioè che essi avrebbero avuto i figli solo ove si fossero verificate certe condizioni (sentenza impugnata, pag. 2).

8.- La conclusione precedente (par. 7.1) assorbe le censure contenute nei motivi terzo, quarto e quinto del ricorso, coi quali si lamenta, rispettivamente:

8.1.- Violazione dellarticolo 112 Cpc, per avere il giudice a quo dato rilievo, andando ultra petita, al cd. accordo simulatorio- raggiunto dai coniugi durante il matrimonio e dimostrato dalluso costante di accorgimenti anticoncezionali; disattendendo così il thema decidendum iniziale, fissato nel libello e nel dubbio, relativo esclusivamente al vizio del consenso, sussistente allatto della celebrazione, per esclusione del bonum prolís;

8.2.- Violazione dellarticolo 123 Cc generali in tema di simulazione (articoli 1414 e ss., Cc), per insussistenza di qualsiasi accordo simulatorio fra i coniugi, non avendo essi inteso escludere la prole in modo assoluto e perpetuo, ma solo procrastinarne il concepimento per ragioni di natura temporanea e contingente;

8.3.- Violazione di norme di diritto (articoli 108 e 160 Cc) e dellordine pubblico interno, per avere riconosciuto efficacia a sentenza che fa dipendere la nullità del matrimonio dalla simulazione relativa (non dalla mancanza di altri elementi essenziali del matrimonio, oltre il bonum prolis): nullità che, nellordinamento italiano, non consegue a simile tipo di riserva mentale.

8.4.- Le censure sopra sintetizzate, infatti, sono pertinenti allassunto della ricorrente – difforme dalle motivate conclusioni cui è pervenuto il giudice a quo – per cui il patto di escludere la figliolanza sarebbe di carattere relativo e sarebbe intervenuto fra essi coniugi, per ragioni contingenti e temporalmente limitate, successivamente al matrimonio, cosicché il consenso matrimoniale non ne risulterebbe viziato.

La ritenuta sussistenza di un patto simulatorio anteriore al matrimonio e condiviso da entrambi i nubendi, adeguatamente motivata nella sentenza impugnata, come rilevato nel confutare il secondo motivo di ricorso (sopra, par. 7.1), è quindi assorbente delle censure ora in esame.

9.- Anche il sesto motivo di ricorso – concernente inesistenza (in violazione dellarticolo 111, comma 1, Costituzione e delle norme a tutela del diritto di difesa) o, comunque, insufficienza della motivazione della sentenza impugnata in ordine alla domanda riconvenzionale di attribuzione di somme a titolo di mantenimento – è assorbito.

9.1.- La non spettanza alla ricorrente delle somme chieste ex articolo 129bis Cc è, infatti, giustamente motivata dalla corte territoriale per difetto della condizione di applicabilità di detta norma, essendo rimasta accertata la mancanza di buona fede della donna, partecipe della simulazione e quindi della causa determinante la nullità del matrimonio.

10.- Per le ragioni esposte, il ricorso deve essere rigettato.

Le spese di questo giudizio di legittimità, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza.

PQM

La Corte di Cassazione Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese di questo giudizio di cassazione, liquidate in complessivi euro 4.100,00 (quattromilacento), di cui euro 4.000,00 (quattromila) per onorario, oltre spese generali ed accessori di legge.